3 Dicembre 2022

Il Rinascimento “alternativo” di Bosch in mostra a Palazzo Reale

di G.P.

Fino a domenica 12 marzo 2023, le sale di Palazzo Reale ospitano la mostra “Bosch e un altro Rinascimento“, dedicata ai capolavori onirici del pittore fiammingo Hieronymus Bosch e ad opere derivate dalla sua arte visionaria e immaginifica.

Promossa dalla sezione Cultura del Comune, in collaborazione con Palazzo Reale e Castello Sforzesco, e prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, con il sostegno di Gruppo Unipol, la mostra “Bosch e un altro Rinascimento” è curata Bernard Aikema, professore di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università di Verona; Fernando Checa Cremades, professore di Storia dell’Arte all’Università Complutense di Madrid e direttore del Museo del Prado; e Claudio Salsi, docente di Storia dell’Incisione presso l’Università Cattolica di Milano e soprintendente del Castello Sforzesco.

“Bosch e un altro Rinascimento” non è una mostra monografica convenzionale, ma un’esposizione dinamica, che vuole mettere in relazione i capolavori tradizionalmente attribuiti a Bosch con altrettante importanti opere d’arte di maestri fiamminghi, italiani e spagnoli, per delineare una sorta di Rinascimento alternativo, popolato di creature fantastiche, mostri infernali e personaggi grotteschi, che ha influenzato grandi artisti come Tiziano, Raffaello, Gerolamo Savoldo, Dosso Dossi e El Greco, diventando un modello figurativo e culturale di riferimento.

La mostra “Bosch e un altro Rinascimento” si compone di un corpus di oltre 100 opere tra dipinti, sculture, arazzi, incisioni, bronzetti, volumi antichi in prestito da importanti musei internazionali come il Museo Làzaro Galdiano di Madrid, il Museu Nacional de Arte Antiga di Lisbona, il Groeningemuseum di Bruges, le Gallerie dell’Accademia di Venezia e la Galleria degli Uffizi di Firenze, e una trentina di oggetti rari e preziosi provenienti da varie wunderkammer.

Hieronymus Bosch – Trittico delle Tentazioni di sant’Antonio, 1500 circa, Olio su tavola
Lisbona, Museu Nacional de Arte Antiga
© DGPC – Luísa Oliveira

Tra le opere in esposizione alla mostra è possibile ammirare: il monumentale “Trittico delle Tentazioni di Sant’Antonio“, opera che ha lasciato il Portogallo solo un paio di volte nel corso del Novecento, e che giunge ora in Italia per la prima volta, e il “Trittico del Giudizio Finale“, che originariamente faceva parte della collezione del cardinale veneziano Marino Grimani.

La mostra “Bosch e un altro Rinascimento” è aperta tutti i giorni – tranne il lunedì – presso le sale di Palazzo Reale, da martedì a domenica dalle 10 alle 19.30, giovedì fino alle 22.30. Prezzo del biglietto: 15€ intero e 13€ ridotto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli