20 Ottobre 2021

Il “green” tra Parco Lambro e il quartiere Crescenzago

Un progetto di autentico spicco è stato presentato in questi giorni dal Comune di Milano dopo che lo stesso è risultato vincitore rispetto ad altri dodici. Si chiama “Green between tessiture urbane” che potremmo tradurre, non alla lettera, con “Il verde nel contesto delle strutture cittadine”.
Si tratta di una connotazione architettonica che si prefigge di trasformare radicalmente un’area sin qui adibita a parcheggio, per complessivi 15 mila metri quadrati di territorio, destinandola ad una vera e propria rigenerazione urbana.
Essa prevede, tra l’altro, la creazione di una “rambla” rallegrata da un percorso ciclopedonale, laddove sarà riposante pedalare o percorrere a piedi gradevoli tratti di strada tra la vegetazione. Questo ampio viale verde disporrà a lato di un terrapieno completamente alberato che avrà il compito di minimizzare i fastidi provocati dal passaggio dei treni della metropolitana.
Intorno sorgeranno caseggiati che potranno dar vita a circa 350 appartamenti, in parte destinati a studenti che dovranno effettuare il pagamento dell’affitto secondo un canone convenzionato.
Insomma, si tratta di una vera e propria “ricucitura” territoriale che si spingerà tra via Palmanova e il Parco Lambro, includendo il rione di Crescenzago (Municipio 2). Verranno in tal modo estesi i confini della città, offrendo pure abitazioni a costi accessibili.
Inutile sottolineare che qui si desidera pure dare slancio al mondo delle due ruote, con la creazione di un’apposita officina, opportunamente attrezzata, che assicurerà in loco il perfetto funzionamento delle bici. L’intero quadro rappresenterà un’idilliaca immagine perché gran parte della superficie sarà “dipinta” di verde grazie all’inserimento di decine e decine di piante.
Crediamo che un auspicio stia per espandersi tra coloro che potranno godere di questa delizia territoriale: che la relativa realizzazione non venga tirata per le lunghe, ma si proceda con i lavori in tempi relativamente brevi.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli