17 Giugno 2021

Michelle Obama a Milano

di Carlo Radollovich

Accolta da numerosi cronisti, la First Lady è giunta nella nostra città con la sorpresa di una particolare nomina, voluta dal commissario unico Giuseppe Sala. È stata infatti battezzata “Regina dell’Expo”.
Più di cento agenti l’hanno scortata nel percorso Milano-Rho, tra una selva di curiosi che volevano osservare, seppure di sfuggita un personaggio di notevole caratura.
Il programma della signora Obama si è fatto subito intenso presso Expo. Anzitutto, la moglie del nostro presidente del Consiglio, signora Agnese, l’ha intrattenuta per diversi minuti porgendole le condoglianze per la tragedia di Charleston (ove tale Dylann Roof, ventuno anni, aveva freddato nove persone mentre pregavano in chiesa). Subito dopo le due donne si intrattenevano con alcuni ragazzini dell’International School of Milan, per poi assistere alla proiezione di due filmati dal titolo “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, elaborati dagli stessi alunni.
Ha quindi assistito ad un breve spettacolo presso l’Albero della Vita e poi ha incontrato Emma Bonino, alla quale ha chiesto notizie sulle sue condizioni di salute. Contemporaneamente, le si facevano incontro Diana Bracco e il ministro Maurizio Martina.
Ma è la figlia più piccola della signora Agnese che rubava la scena a tutti: andava incontro alla First Lady e questa l’accarezzava affettuosamente.
Ma ecco il momento della visita al padiglione degli Stati Uniti: salutava subito alcuni noti imprenditori italiani, tra cui Giorgio Squinzi e Marco Tronchetti Provera. Avvicinatasi ai microfoni, evidenziava l’importanza dei problemi alimentari e sottolineava come l’argomento “obesità infantile” rivesta particolare importanza. Ricordava con l’occasione che gli Stati Uniti hanno messo al bando, proprio in questi giorni, i “Trans fat”, ossia i grassi insaturi artificiali, impiegati in gran parte negli alimenti preconfezionati.
Dopo un breve colloquio con il commissario Sala, consumava un pasto presso l’hotel Hyatt e poi, finalmente, un breve riposo.
Nel pomeriggio, la First Lady effettuava una visita in Duomo e vi si intratteneva per circa un’ora, accendendo tra l’altro un cero in memoria delle vittime di Charleston e ricevendo, in ricordo di questa visita, una piccola copia della nostra Madonnina.
Oggi, il viaggio avrà come tappe Vicenza (è previsto un incontro con i militari americani e le loro famiglie) e infine Venezia (ove il soggiorno si prolungherà sino a domenica).

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli