4 Dicembre 2022

Nilde Iotti, la prima donna presidente della Camera

Nasce a Reggio Emilia nel 1920 e, mentre sta frequentando il ginnasio, perde improvvisamente il padre. Ma la sua grande passione per diverse materia le fa vincere alcune borse di studio. Costretta ad iscriversi al Partito Nazionale Fascista (in caso contrario non avrebbe potuto insegnare), nel frattempo si laurea in Lettere con il massimo dei voti presso l’Universita’ Cattolica di Milano.

Dopo l’8 settembre del 1943 inizia attivamente ad interessarsi di politica e partecipa con entusiasmo a diverse azioni promosse dalla Resistenza. Di aspetto robusto, mai avuto un fidanzato negli anni giovanili, viene dapprima giudicata con diffidenza tra le file del PCI anche perché la sua relazione con Palmiro Togliatti, più grande di lei di ben 27 anni, non e’ gradita e anzi osteggiata.

La coppia risiedeva, appartata da tutti, in un appartamentino di via Botteghe Oscure, ma il caso scoppiò del tutto quando Togliatti venne ferito gravemente da un certo Antonio Pallante nel 1948. Il fatto si complico’ quando Nilde andò a trovarlo in ospedale, perché Togliatti era già sposato.

Da quel momento, Nilde Iotti si lega ancor più intensamente al suo compagno e diventa per lui ”moglie” sempre più fedele e ricca di suggerimenti molto apprezzati.

Quando lei viene eletta presidente della Camera dei deputati, carica che mantiene per ben tredici anni consecutivi, dal 1979 al 1992, diversi cronisti amano definirla ”La regina di Montecitorio”. Ma lei si scansa subito da qualsiasi appellativo. Dichiara di avere una concezione alta della politica e, per tutta la sua vita, abbraccerà questo segno distintivo.

Quando il PCI, su proposta di Achille Occhetto, cambia nome nel 1991, ci si attende da Nilde Iotti una difesa dei valori passati. Ma lei non si fa prendere dalla nostalgia e, come dirigente del partito, è pronta a sostenerlo anche nei momenti dolorosi.

Nel novembre del 1999, a seguito di seri problemi di salute, rinuncia a qualsiasi incarico politico. Muore purtroppo il mese successivo per arresto cardiaco.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli