20 Ottobre 2021

Politiche giovanili. Nasce la rete di servizi integrati per la formazione dei giovani

di Sara Sedici

Nasce il nuovo sistema di servizi rivolti ai giovani tra i 16 e i 34 anni che hanno bisogno di supporto per la ricerca del lavoro, per cambiare il proprio percorso di studi o professionale o perché stanno vivendo una situazione di crisi o difficoltà.

“MiG-Work – MiGeneration Work…in progress” è il progetto del Comune di Milano vincitore del bando di Regione Lombardia “La Lombardia è dei giovani 2020” che mira a creare una rete di servizi integrati e opportunità formative.

“Crediamo molto – dichiara l’assessora all’Educazione Laura Galimberti – in questo progetto che mira a creare un sistema integrato per supportare i giovani nell’ingresso nel mondo del lavoro, sia aiutandoli nel riconoscere le loro attitudini e le loro capacità, sia sostenendoli nell’orientare i loro sforzi in maniera produttiva. Crediamo che sia questo il compito delle istituzioni: contribuire alla costruzione di una società sempre più dinamica e di una città attrattiva e, allo stesso tempo, assicurarsi, attraverso progetti come questo, che tutti riescano a integrarsi e che nessuno venga lasciato indietro”.

Sul sito inventolab.com è possibile consultare il catalogo completo di tutte le attività – tutte fruibili in modo gratuito – ed effettuare l’iscrizione.

Tantissime le iniziative prenotabili nel corso dell’anno come percorsi di gruppo per l’acquisizione e il rafforzamento di competenze trasversali, oltre a sportelli di orientamento e supporto. Disponibili anche laboratori per le scuole per promuovere lo sviluppo di idee imprenditoriali, per migliorare le capacità degli studenti di presentarsi e sostenere colloqui oltre ad imparare a conoscere e valorizzare le proprie attitudini.

Per alcune attività, invece, sarà necessario iscriversi entro il 31 gennaio 2021. Tra queste, vi sono corsi di formazione dedicati a diversi ambiti come quelli per approcciarsi al settore della sostenibilità ambientale o all’assistenza digitale agli anziani, passando per quelli per avvicinarsi al mestiere del barman o al mondo del lavoro equestre. Tutti prevedono un tirocinio finale retribuito.

Vi è anche la possibilità di accedere a percorsi di “job shadowing” cioè la possibilità di osservare un lavoratore all’interno del suo contesto lavorativo per conoscere non solo la realtà lavorativa in questione ma anche definire il proprio personale percorso professionale.

Il progetto, quindi, oltre a fornire da subito concrete opportunità, è finalizzato a migliorare e rendere progressivamente più fluido e funzionale il sistema di servizi anche attraverso l’ascolto diretto dei giovani destinatari, delle imprese e degli altri stakeholders attraverso un’attività di co-progettazione partecipata che porterà, entro la fine del 2021, alla realizzazione condivisa di una piattaforma web interattiva per l’accesso a servizi e ai contenuti.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli