sabato, Marzo 2, 2024
spot_img

La Befana in piazzale Accursio

La festa dell’Epifania del 6 gennaio tutte le feste porta via, in genere con tale data si chiude il Tempo di Natale del ciclo delle festività natalizie, quest’anno la ricorrenza del 6 gennaio è caduta di sabato così si è allungato di un altro giorno con la domenica 7 gennaio.

La Befana presso la giostra di piazzale Accursio

L’Epifania nell’ambito religioso della tradizione cristiana cattolica corrisponde alla festa detta anche dell’omaggio dei Re Magi a Gesù Bambino dove sono molte le cerimonie rappresentative che si susseguono nelle varie chiese con rappresentazioni sceniche e figuranti che simbolicamente portano dei cofanetti contenenti oro, incenso e mirra, omaggio oggi simbolico. La storia vuole che l’oro rappresenti la regalità di Gesù, l’incenso la divinità di Gesù e la mirra, liquido di resina naturale odorosa, rappresenta il preannuncio alla conseguente Passione di Gesù. La mirra, infatti, nell’ambito giudaico usata ai tempi di Gesù, serviva quale balsamo per la sepoltura dei morti.

Fatta questa premessa, come a tutti noto, la Befana è la festa più attesa dai bambini che è sì quella della Epifania ma per loro in particolar modo è la Befana la festa che attendono con immensa gioia. L’attesa della Befana è grandissima per i bambini poiché porta i regali ai bambini bravi e buoni, mentre si dice che per ai bambini meno bravi porti il carbone… sarà vero? Non si sa, ma lasciamo che i bambini, almeno loro, fantastichino sulla Signora Befana poiché oggi siamo in un momento molto delicato a livello internazionale, molti sono i popoli divisi dalla guerra, dall’odio e dalla violenza: proprio lì nei luoghi dove c’è la guerra le prime vittime sono proprio i bambini che soffrono la fame, le malattie, il freddo e muoiono.  Noi adulti speriamo che la simbolica Befana possa portare un poco di serenità e la pace tra i popoli, forse è una illusione ma speriamo e preghiamo.

I Re Magi presso la Cappellania dell’Istituto Palazzolo

Così il 6 gennaio ovunque è stata rispettata la tradizione sia dell’arrivo dei Re Magi che della Befana, così anche a Milano la tradizione è stata osservata con diversi momenti tra cui la classica Befana benefica dei motociclisti che ha portato, oltre alla calza con caramelle e dolcetti, anche regali alle persone in difficoltà in alcuni istituti sia per bambini che per anziani, oltre a pranzi benefici offerti ai senza fissa dimora e a persone disagiate. Inoltre c’è stato anche lo storico corteo dei Re Magi presso la Basilica di Sant’Eustorgio un momento di fede e di tradizione che si svolge da moltissimi anni.

Anche nel nostro territorio del Municipio 8 ci sono stati i Re Magi e la Befana. I Re Magi in particolare si sono visti presso l’Istituto Palazzolo della Fondazione don Gnocchi dove attraversando i sotterranei dell’istituto sono arrivati fino ai piedi dell’altare e presso il presepio di Gesù bambino hanno posato i loro doni ed hanno partecipato alla Santa Messa celebrata nella Chiesa della Cappellania. Gli anziani ospiti presenti hanno potuto vedere la rappresentazione dei Re Magi rappresentati da tre giovani figuranti che nelle loro sontuose vesti hanno reso bella e un poco magica la celebrazione della Santa Messa.

La Befana distribuisci alcuni gadget

Mentre in piazzale Accursio durante la mattinata e nel pomeriggio c’è stata la signora Befana che pare sia arrivata in prima mattinata dove ha atteso l’arrivo dei bambini nei pressi dei giardinetti ma essendo la mattinata fredda è entrata nella giostra dei bambini lì al caldo, ha atteso l’arrivo di altri bambini offrendo loro dolcetti, caramelle e alcuni gadget a tema della befana in un clima festoso.

Molti sono stati i bambini che hanno incontrato la Befana all’interno della giostra sia durante la mattinata che durante il pomeriggio fino a sera, così i molti bambini che hanno partecipato a tale momento festoso, oltre a ricevere le caramelle e i dolcetti hanno potuto divertirsi girando sulle varie attrazioni della giostra gratuitamente senza rincorrere il peluche a forma di banana per poter fare un altro giro in più gratis ma hanno potuto continuare a girare gratuitamente a volontà.

La Befana distribuisce altri gadget ai bambini

Circa la signora Befana nessuno sa o sapeva da dove era arrivata, qualcuno ha detto che era stata vista girovagare di notte nell’antico e storico borgo di Villapizzone a consegnare i regali e a riempire le calze appese dai bambini presso i camini dei caseggiati del quartiere, e dopo si è avviata verso piazzale Accursio rimanendovi tutto il giorno e lì i bambini hanno potuto trascorre un bel momento, gioiosi e felici facendo anche delle foto ricordo con la signora Befana.

Ma chi è questa fantomatica Signora Befana, da dove viene? Noi non lo sappiamo, di certo possiamo solo dire quanto abbiamo imparato e cantato anche noi da bambini la filastrocca che diceva: “La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte, va vestita alla romana viva, viva la Befana…”  

Il saluto della Presidente del Municipio 8 G. Pelucchi

La festa della Befana svoltasi presso la giostra il “Paradiso dei Piccoli” di piazzale Accursio è stato un momento ludico ricreativo offerto e patrocinato dal Municipio 8 così come ci sono stati nel territorio del Municipio tantissime altre manifestazioni ed eventi ludici, ricreativi e culturali organizzati nel corso delle trascorse festività natalizie. Nel pomeriggio del giorno della Befana la Presidente del Municipio 8, Giulia Pelucchi ha fatto visita anche lei alla Befana di piazzale Accursio e lì ha portato il saluto della Giunta Municipale e ha salutato e incontrato i bambini accompagnati dai genitori e nonni, ringraziando tuti i partecipanti e in particolare la famiglia Del Pietro, titolari della giostra che da anni organizzano tale momento ludico e ricreativo per i bambini del territorio, tale momento si è concluso con un applauso e un brindisi augurale.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli