sabato, Marzo 2, 2024
spot_img

Emmelina Sonnino, esperta in scienze occulte

Non è nota la sua precisa data di nascita, ma si presume che si verifichi attorno agli anni 1850 / 1855 essendo sorella dello statista Sidney Sonnino (1847 / 1922), che ha ricoperto la carica di presidente del Consiglio tra il 1906 e il 1910.

Emmelina, sin da ragazza, mette in mostra una vivacità intellettiva non comune. Terminati gli studi, diventerà in breve tempo la principale referente di Rudolf Joseph Steiner, esoterista e teosofo, particolarmente seguito in Austria tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.

La prima volta che ha l’occasione di parlare con lui avviene in occasione del Convegno Internazionale di Filosofia, svoltosi a Bologna nel 1911. Già da quel momento Steiner capisce che la giovane diventerà una sua stretta collaboratrice.

Per la verità, lei stava per interrompere i propri rapporti di studio con la Società Teosofica Italiana, che era stata fondata nel 1902 ed eretta in ente morale filantropico-culturale. Emmelina decide perciò di abbracciare in toto le idee di Steiner e inizia a tradurre alcune sue opere.

Susseguentemente, lei da’ vita ad una associazione di studi antroposofici che viene frequentata anche dal figlio Giovanni Antonio, ministro delle Poste nel 1922 e poi dimostratosi convinto antifascista iscrivendosi al Partito Democratico Italiano.

La Sonnino, nel 1923, rappresenterà addirittura l’Italia presso la Società Antroposofica Universale. L’evento si svolge a Dornbach, cittadina svizzera del Canton Solothurn, e viene accompagnata dal figlio che ha sempre condiviso le idee della madre. Giovanni Antonio morirà di polmonite nel 1940, poco prima di aver terminato la traduzione del testo “Lo spirituale nell’arte” del pittore russo Vasilij Kandinskij.

La morte del figlio pesa anche fisicamente su Emmelina, la quale non riuscirà più a riprendersi. E quattro anni più tardi (1944), quando due sue nipoti vengono arrestate perché scoperte in un gruppo di partigiani, non riesce a reggere a questo immenso dispiacere. Infatti, cede di crepacuore per sempre nel novembre dello stesso anno.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli