18 Ottobre 2021

Bruciata la targa della panchina di piazza Prealpi dedicata a Lea Garofalo

Circa due settimane fa è stato dato fuoco alla targa e a parte dei listelli della panchina rossa di piazza Prealpi dedicata a Lea Garofalo, una “testimone di giustizia” tragicamente assassinata dalla ‘Ndrangheta nel 2009.

La sistemazione della panchina rossa Lea Garofalo

Già nel luglio scorso IL MIRINO aveva dedicato un articolo ad un altro atto vandalico contro la targa che, anche in altre precedenti occasioni, era stata oggetto di danneggiamenti.

Alla luce di ciò si può senz’altro dire che i danneggiamenti non siano gesti isolati o causali, ma si può pensare siano veri e propri messaggi che qualcuno del quartiere o al di fuori vuole indirizzare verso i cittadini onesti e democratici che prestano attenzione a tale simbolica panchina rossa.

La panchina prima dello scoprimento della nuova targa

Come già riferito in altri articoli, Lea Garofalo era una giovane mamma di 35 anni che, per cercare di dare un futuro diverso e onesto alla figlia Denise, si distaccò dal marito e dal suo ambiente familiare legato alla ‘Ndrangheta calabrese. Purtroppo l’allontanamento e la decisione di dare una svolta alla propria vita gli costò cara poichè la sua stessa famiglia decise di assassinarla il 24 novembre 2009 proprio in uno stabile di piazza Prealpi.

La panchina dedicata a Lea Garofalo fu voluta dall’ANPI Codè Montagnani Marelli di via Bodoni , con il sostegno del Municipio 8 e la collaborazione dell’Associazione LIBERA, e venne presentato alla cittadinanza il 7 dicembre 2019 nell’ambito della ricorrenza del decimo anniversario della tragica morte di Lea.

Intervento di Lucilla Andreucci, responsabile Libera Milano

L’ANPI di via Bodoni è da sempre promotrice di iniziative per la memoria storica, non solo dell’ANPI ma anche di tutto ciò che riguarda la vita sociale, culturale e storica del territorio che portano anche nelle scuole per educare e informare i giovani sui valori della democrazia, della giustizia e della libertà contro ogni forma di violenza.

Infatti il 15 luglio scorso in piazza Prealpi ha accolto i ragazzi di LIBERA per raccontare loro fatti e momenti storici riguardanti la piazza e il territorio circostante a cui parteciparono anche la presidente dell’ANPI di via Bodoni, Rossella Montagnani Marelli, il presidente onorario, Franco Strangio, e Nello Vescovi del Direttivo ANPI.

Intervento di Rossella Montagnani Marelli, presidente Anpi via Bodoni

E ora, a questo nuovo atto vandalico, i rappresentanti dell’ANPI di via Bodoni con la collaborazione dei giovani dell’Associazione LIBERA e il Municipio 8 hanno risposto provvedendo alla sostituzione di alcuni listelli della panchina e alla posa di una nuova targa. Inoltre, sabato 9 ottobre si è svolta una cerimonia per lo scoprimento della targa a cui hanno partecipato Lucilla Andreucci, referente coordinamento Libera Milano, Rossella Montagnani Marelli, presidente ANPI via Bodoni, Monica De Luca, responsabile Presidio Lea Garofalo – Libera Milano, Franco Strangio, presidente onorario ANPI via Bodoni, il consigliere del Municipio 8 Fabio Galesi, il consigliere comunale Alessandro Giungi, alcuni membri del Direttivo ANPI di via Bodoni e molti cittadini.

Intervento di Monica De Luca, responsabile Presidio Lea Garofalo

Prima dello scoprimento c’è stato l’intervento di Lucilla Andreucci di Libera Milano che ha detto: 

“Siamo qui non per una normale panchina rossa ma per una panchina che ha un grande significato, posta proprio qui in piazza Prealpi e dedicata a Lea Garofalo, panchina più volte deturpata e danneggiata ma che insieme ad ANPI e ai cittadini vogliamo mantenere sempre l’attenzione per quanto significa e rappresenta, e denunciare che la piazza non deve ritornare agli anni ’90, noi siamo qui e saremo sempre presenti contro ogni violenza e sfruttamento. Con la nostra presenza e sfida, lanciamo la sfida anche a chi oggi e forse dietro le persiane ad  osservarci. Noi siamo qui anche per Denise che continua a vivere senza paura così come non ha avuto paura sua madre Lea”.

Intervento del Consigliere del Municipio 8 Fabio Galesi

É seguito l’intervento della presidente ANPI di via Bodoni, Rossella Montagnani Marelli, che ha ringraziato LIBERA per quanto fa e per quanto rappresenta e ha raccontato del percorso fatto insieme ai ragazzi di LIBERA per arrivare alla posa della panchina nel dicembre 2019. Inoltre, rivolgendosi ai ragazzi di LIBERA ha detto:

”Forse anche con un poco di invidia oggi si vorrebbe avere partecipanti ed iscritti giovani come voi che continuino con noi il percorso nel portare avanti i valori di libertà e democrazia di ANPI dove ormai i veri partigiani sono pochi ma i valori che loro rappresentano noi dobbiamo continuare a portare avanti”.

ll Flashmob dei ragazzi di Libera

Dopo è intervenuta Monica De Luca, responsabile Presidio Lea Garofalo che ha riferito del percorso svolto con ANPI sul territorio ed ha riferito del flashmob che con i suoi ragazzi ha preparato per questa occasione.

Un altro momento del Flashmob

Infine è intervenuto il consigliere municipale Fabio Galesi che ha portato il saluto della neo eletta Presidente del Municipio 8 Giulia Pelucchi, che non ha potuto essere presente a tale momento, e ha riferito che come Municipio 8 hanno presentato l’esposto alle Autorità competenti per denunciare i continui atti vandalici su questa significativa panchina dedicata a Lea Garofalo e continueranno a prestare maggiore attenzione a tutte le problematiche della piazza.

Dopo, i ragazzi e le ragazze di LIBERA, hanno svolto il flashmob con l’esposizione e sollevamento dei cartelli preparati che riportavano particolari frasi e, girando intorno al piazzale, hanno ripetuto ad alta voce le diverse frasi di cui ne riporto alcune: “Lea siede su questa panchina; Sedetevi accanto a lei; Questa piazza è ancora nostra; La nostra denuncia non finirà; L’antimafia è una scelta necessaria; Consapevolezza è tenere gli occhi aperti”.

Scopertura della nuova targa in memoria di Lea Garofalo

Il flashmob si è concluso con un lungo applauso ed è stato dato appuntamento al 23 novembre prossimo dove sarà ricordata Lea Garofalo nella ricorrenza del 12° anniversario della sua tragica morte.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli