Un ragazzo cade tragicamente dalla bici

0
135

Filippo Tafuro, un sedicenne abitante a Corsico, è caduto la scorsa settimana nei pressi del Comune di Pera, con la mountain bike presa a noleggio in Trentino, mentre pedalava lungo il percorso ciclabile che collega la ben nota località di Canazei a Moena.

La gita vedeva serenamente coinvolto Filippo con alcuni suoi compagni di scuola e la voglia di divertirsi sprizzava allegria da ogni poro. Nessuno poteva immaginare che quelle prime giornate di vacanza (erano giunti in Trentino il 2 giugno) potessero concludersi con la tragica scomparsa del ragazzo.

Filippo, infatti, aveva picchiato pesantemente il capo al suolo, forse dopo aver sbattuto contro una pietra. Già all’arrivo dei soccorritori, la situazione si presentava molto seria. Resisi conto della gravità, chiamarono immediatamente l’elicottero per trasportarlo all’ospedale Santa Chiara di Trento, dove arrivava in codice rosso.

Il ragazzo veniva sottoposto ad un delicato intervento chirurgico, che purtroppo non è stato in grado di salvargli la vita poiché i danni riportati erano gravissimi. Ha tuttavia lottato contro la morte per più di quattro giorni per poi cedere e volarsene via.

Ora le inchieste stanno tentando di accertare se si sia trattato di tragica fatalità o se invece quel tratto di pista ciclabile, non privo di pendii e di tratti che si addentrano nel bosco, abbia concorso a provocare quella caduta tanto grave.

Filippo e suoi compagni stavano assaporando quei giorni di vacanza, consapevoli di aver scelto una zona meravigliosa, quella di Canazei, che propone gite in grande numero.

Lo sconcerto si è manifestato non soltanto tra i suoi amici, ma anche presso i componenti dell’oratorio di San Luigi a Corsico. I religiosi sono rimasti in totale silenzio per rispettare il riserbo chiesto dalla famiglia. La partecipazione a tanto dolore da parte dei parenti si è espressa su Facebook con parecchie decine di messaggi di cordoglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here