sabato, Marzo 2, 2024
spot_img

Salute & Benessere: Capelli

Domanda

Ho 39 anni. La mia capigliatura già non molto folta di natura, è peggiorata dopo l’estate. I miei capelli cadono, appaiono indeboliti e diradati. Temo la calvizie. Ricorrere alla Carbossiterapia è la soluzione giusta? Esiste anche un’alternativa a questa metodica?

Luisa – Milano

Risposta

E’ inevitabile che il passaggio di stagione aumenti la quantità di capelli che cadono, soprattutto dopo l’estate quando la chioma è stata messa a dura prova da sole, mare, vento e salsedine. Perdere tra i 30 e i 60 capelli al giorno rientra nella fase normale di ricambio, ma se si superano i 100 è bene correre ai ripari. L’Alopecia (nome scientifico della calvizie) non può essere curata con semplici prodotti rinforzanti. Questo problema si sviluppa con l’età: i follicoli producono capelli sempre più sottili e invisibili, che si riducono quasi ad una peluria. Perché la calvizie  non peggiori è necessaria la diagnosi dello specialista. L’Alopecia può riguardare gli uomini, ma anche le donne. A differenza di “lui”, che vede cominciare a sfoltirsi i capelli a partire dall’attaccatura alle tempie e al centro della testa, “lei” può notare un diradamento diffuso su tutta la parte alta della capigliatura, anche se non arriva quasi mai a una calvizie totale. La Carbossiterapia capillare (efficace per tutti i tipi di Alopecia), è un trattamento mesoterapico non chirurgico che serve a rigenerare i capelli persi oppure sofferenti attraverso infiltrazioni sottocutanee intradermiche di anidride carbonica (CO2). Il trattamento è effettuato nel cuoio capelluto per ossigenare la zona, facilitando il rinnovamento delle cellule ciliate. L’effetto? Un miglioramento generale della qualità dei capelli: la caduta si riduce e la crescita è accelerata. La metodica aiuta anche ad eliminare forfora e seborrea. Una valida alternativa alla Carbossiterapia è la biostimolazione del cuoio capelluto con Polinucleotidi (frazioni di DNA ultra-purificati di origine naturale), iniettabili sotto forma di gel nelle zone diradate. La tecnica favorisce il rinfoltimento dei capelli contribuendo al trofismo del capillizio, cioè a una corretta nutrizione del bulbo e quindi a un suo sano sviluppo determinando un aumento della crescita e una riduzione della perdita di capelli. La frequenza e il numero di sedute di Carbossiterapia oppure di biostimolazione con Polinucleotidi viene stabilita dallo specialista in base alla situazione. Le due metodiche possono agire anche in sinergia con buoni risultati.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli