28 Gennaio 2023

IL MERCOLEDÍ NEL CONDOMINIO – Le anticipazioni di mercoledì 28 settembre

  • Rincari energetici e strategie in campo: lettere ai condòmini per sollecitare i pagamenti 

       di Camilla Curcio ed Annarita D’Ambrosio

Amministratori a confronto sul tema caldo dei rincari d’autunno. Dopo la panoramica sulle iniziative delle associazioni di categoria («Il Sole 24 Ore» del 7 settembre), accendiamo i riflettori sulle strategie che i singoli amministratori pensano di adottare, a breve e lungo termine,  per far fronte al caro bollette. C’è chi sta predisponendo un impianto fotovoltaico, chi guarda all’autoconsumo e alle comunità energetiche per risparmiare e chi reclama un intervento statale ed europeo. La maggior parte, intanto, sta cercando di informare i condòmini, invitandoli a tagliare gli sprechi. 

  • Il condomino è moroso da tempo: l’amministratore può staccare le forniture

di Annarita D’Ambrosio e Fulvio Pironti 

In caso di mora nel pagamento dei contributi condominiali protratta per un semestre, l’amministratore (articolo 63, comma 3, Disposizioni attuative Codice civile) può sospendere al condomino moroso, anche senza preventiva autorizzazione assembleare, la fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato. Non tutti gli edifici con riscaldamento centralizzato però hanno contatori separati. Da qui l’invito alla massima attenzione da parte dell’amministratore .

  • Volantini per minacciare il distacco dei servizi. Il fornitore non può screditare l’amministratore

di Carlo Pikler

Il rapporto contrattuale in essere tra fornitore e condominio non legittima il primo a rivolgersi direttamente ai condòmini, scavalcando la figura dell’amministratore e sottintendendo una mancanza di questi evidenziata da una morosità lamentata ma non accertata da un titolo giudiziario. Il fornitore, quindi, dovrà far valere i propri diritti attraverso le azioni previste dal Codice civile, ma non certo mediante pressioni che possano mettere in cattiva luce l’operato dell’amministratore.

  • Dieci anni dalla riforma del condominio: amministratore oggi più responsabile, non sempre obbligatorio 

di Ettore Ditta

La riforma del 2012 ha elevato ad otto il numero di condòmini oltre i quali si può chiedere al giudice la nomina dell’amministratore. Quest’ultimo però oggi ha maggiori  obblighi e responsabilità 

Appuntamento ogni mercoledì sul Sole 24 ore con la pagina dedicata al condominio, ogni giorno ci sono gli aggiornamenti ed i suggerimenti di https://ntpluscondominio.ilsole24ore.com/ per risparmiare tempo e ottenere l’informazione critica, giornalistica, utile ad amministratori e condòmini. Per abbonarsial Quotidiano Condominio e conoscere le offerte del momento si può scrivere a servizio.abbonamenti@ilsole24ore.com o telefonare allo 0230300600

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli