martedì, Giugno 25, 2024
spot_img

Il boom della Medicina Estetica per l’uomo

La frequentazione maschile sta aumentando molto nello studio dei medici estetici, secondo alcune indagini di mercato del 25% dal 2008…

…Anche “lui” vuole essere bello! Ma cosa chiedono gli uomini e cosa hanno in serbo per loro i medici estetici? “La medicina estetica – afferma il professor Emanuele Bartoletti, presidente della Società Italiana di Medicina Estetica SIME in occasione del Congresso SIME che si è svolto a Roma dal 10 al 12 Maggio scorso – non è un menu on demand; così come non verrebbe mai in mente di suggerire al cardiologo cosa fare, allo stesso modo bisogna affidarsi al medico estetico. E da questo punto di vista gli uomini si affidano molto di più al medico estetico rispetto a quanto non facciano le donne; per questo possiamo dire che sono pazienti ‘ideali’. Ragazze e donne spesso arrivano con richieste specifiche, difficili da smontare”.

Check up cutaneo per prescrizione cosmetica e cosmeceutica adeguata

Emanuele Bartoletti

Anche gli uomini hanno bisogno di una gestione cosmetica della cute e stanno diventando molto attenti alle applicazioni cosmetiche. “Ma non possono prenderli in prestito dalla moglie o dalla fidanzata – spiega il professor Bartoletti – perché la cute dell’uomo ha delle caratteristiche completamente diverse. Un approfondito check up cutaneo consente al medico estetico di fare una prescrizione adeguata di cosmetici e cosmeceutici. I cosmetici nell’uomo ovviamente non devono contenere sostanze ormono-simili; poi in linea di massima devono essere leggeri, come emulsioni olio in acqua e gel. Il prodotto, applicato sulla cute, si deve asciugare subito, non deve essere profumato e deve lasciare la pelle idratata che non ‘tira’ in superficie, come accade ad esempio con i cosmetici ricchi di acido ialuronico”. Gli uomini hanno sul viso e sul collo un derma più spesso perché hanno più follicoli piliferi e ghiandole sebacee più grandi. “E questo rappresenta una fortuna – spiega il presidente della SIME – perché il loro derma è più attivo rispetto a quello delle donne. Ecco perché tutti i trattamenti di biostimolazione e di bioristrutturazione negli uomini danno risultati migliori e più evidenti rispetto alle donne e serve un minor numero sedute. Sono dunque sicuramente da considerare in caso di necessità soprattutto dai 40 ai 60 anni”.

I giovani iperallenati spesso hanno le guance un po’ scavate perché presentano una riduzione drammatica della massa grassa e un’ipertrofia del muscolo. I solchi sulle guance cominciano da sotto gli occhi, quasi fossero il proseguimento delle occhiaie, e conferiscono al viso un aspetto stanco, poco riposato. Una delle indicazioni che diamo a questi soggetti è il riempimento di questi solchi con filler riassorbibili (acido ialuronico o idrossiapatite di calcio) o, in qualche caso, con trattamenti ristrutturanti che promuovono il riempimento stimolando la produzione di collagene, per andare a riempire gradualmente questi solchi. Sempre i giovani hanno problemi psicologici spesso rilevanti dovuti alla presenza dicicatrici d’acne che possono essere trattate con una seduta di PRP, che ammorbidisce la retrazione fibrosa, seguita dall’impiego di acido ialuronico debolmente cross linkato che richiama acqua e tende a distendere ulteriormente questi tralci fibrosi. Per uniformare ulteriormente la superficie, si può ricorrere a 3-4 sedute di needling associato a peeling superficiali, oppure al laser resurfacing ablativi (a CO2 o Erbium).

Andando avanti con gli anni, cominciano anche nell’uomo a comparire rughe d’espressione e cedimenti dei tessuti. Nell’uomo particolarmente importante è la prevenzione, perché il lifting va effettuato molto più avanti rispetto alle donne, risultando nell’uomo molto più ‘visibile’ dal punto di vista cicatriziale. Funzionano invece molto bene tutte le procedure con macchinari quali l’Endolift, le radiofrequenze e tutto quello che, agendo sul derma, ne provoca una retrazione termica attraverso la stimolazione con calore, inducendo così un miglioramento della lassità e un aspetto più compatto della cute. I riempimenti con i filler possono essere fatti anche nell’uomo, ma sempre nel rispetto dell’estetica maschile; quindi ad esempio il riempimento della regione zigomatica può essere eseguito in caso di necessità, ma con dei criteri ‘maschili’, cioè non deve essere troppo evidente nella zona zigomatica, che non deve superare la larghezza della mandibola.

L’uomo è anche molto più espressivo della donna, quindi per ottenere con latossina botulinica un buon effetto di neuro-modulazione, non vanno utilizzate dosi eccessive, per evitare di ‘freezarli’. Bisogna lasciare all’uomo una capacità di contrazione e di espressione maggiore rispetto alla donna. Servono quindi un’attenzione e accorgimenti particolari, declinati al maschile. Un’importante differenza rispetto alla donna è l’impiego della tossina botulinica nel muscolo frontale. Nell’uomo il muscolo frontale spesso continua anche al di sopra dell’attaccatura dei capelli, quindi sollevando in alto la fronte si possono formare delle grinze anche in mezzo alla testa e questo nell’uomo molto stempiato si vede e conferisce un effetto anti-estetico. In questo caso la tossina va utilizzata su un’area cutanea più estesa, anche verso le stempiature, dove ‘sale’ il muscolo frontale.

Dal soledevono imparare a proteggersi anche gliuomini, stando attenti a non dimenticare alcuna zona. Il vertice della testa va sempre protetto con filtri solari, sia in presenza di capelli che, a maggior ragione, in caso di calvizie. Negli uomini sono infatti particolarmente frequenti i tumori cutanei del vertice. Il sole inoltre è responsabile di fotoinvecchiamento che rappresenta un problema difficile da contrastare una volta che ha raggiunto gli stadi più avanzati. Sempre al sole è imputabile la comparsa di macchie. La prevenzione dunque è fondamentale. Per eliminare le macchie cutanee nell’uomo si può ricorrere soprattutto ai laser Q-switch o picolaser (ma non alla luce pulsata perché si rischia di andare a fare una depilazione della barba) e a peeling cutanei.

Il ricorso allaluce pulsata e ai laser dedicati alla depilazione trovano buona indicazione tra i giovani che sentono la necessità di ridurre o rimuovere completamente la peluria. Molti uomini sono dei pentiti del tatuaggio e ne chiedono la rimozione che viene fatta con i laser Q-switchati e picolaser. Consigliamo però di pensarci due volte prima di farsi tatuare perché non sempre la rimozione dà buoni risultati; si può assistere infatti al fenomeno del ‘tatuaggio fantasma’, una chiazza biancastra che compare dove prima c’era un disegno colorato. Un altro evergreen è la riduzione del tessuto adiposo a livello di fianchi e addome che ha trovato oggi il suo gold standard in medicina estetica sia nella donna che nell’uomo nella criolipolisi, che dà buoni risultati anche se naturalmente non paragonabili a quelli della lipoaspirazione chirurgica.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli