mercoledì, Aprile 17, 2024
spot_img

Farmacia dei servizi: in Lombardia realtà sempre più concreta

Solo nel 2022, oltre 205mila operazioni di scelta e revoca, più di 813mila vaccini antiCovid e 176mila antinfluenzali, circa 74.500 prestazioni di telemedicina…

…La farmacia dei servizi prende sempre più forma in Lombardia, dove oggi è una realtà tangibile, che porta la sanità “sotto casa” e la rende facilmente fruibile per i cittadini. Alcuni numeri lo attestano chiaramente. Come le 205.660 operazioni di scelta e revoca del medico di famiglia e del pediatra di libera scelta che i lombardi, a partire da quest’anno, hanno potuto eseguire comodamente presso la propria farmacia di fiducia. O le 176.342 vaccinazioni antinfluenzali di cui 151.255 a carico del Servizio Sanitario Regionale (altra importante novità introdotta nel 2022), somministrate dai quasi 1.000 esercizi lombardi che hanno aderito alla campagna di profilassi. La farmacia dei servizi lombarda, quindi, cresce e diventa sempre più digitale, tanto che 780.000 utenti quest’anno hanno utilizzato Farmacia Aperta, l’App di Federfarma che rintraccia il presidio farmaceutico più vicino, filtrando la ricerca in base al servizio desiderato (vaccini, tamponi, deblistering etc.) e che, a partire dal 2023, verrà arricchita di nuove funzionalità.

A tracciare il quadro dell’impegno delle croci verdi lombarde nel 2022, la conferenza stampa organizzata da Federfarma Milano, Lodi e Monza Brianza, l’Associazione che riunisce 1.200 farmacie presenti sul territorio regionale. Nel corso dell’evento, si è fatto il punto sulle attività svolte negli ultimi 12 mesi e sugli obiettivi per il 2023. Tra i fronti sui quali l’azione dei farmacisti è stata determinante, ancora la lotta alla pandemia. Dal 10 novembre 2021, le farmacie lombarde aderenti (oggi 719, un anno fa erano 500) hanno inoculato 917.365 dosi di vaccino antiCovid, di cui 813.780 nel 2022 e 104.132 solo nell’intervallo 12 novembre – 4 dicembre, coprendo in quest’ultimo periodo il 47% sul totale di vaccinazioni anticoronavirus erogate in regione. Analizzando il dettaglio delle dosi per singola ATS (Milano 330.036; Insubria 123.496, Brianza 112.643, Brescia 104.998, Bergamo 89.087, Val Padana 73.060, Pavia 62.702, Montagna 18.712), emerge come in media, ogni 1.000 abitanti, 92 abbiano scelto di immunizzarsi in farmacia, con punte di 124 nel territorio dell’ATS di Pavia. I presidi farmaceutici lombardi, inoltre, hanno eseguito quasi 20 milioni di tamponi e dispensato 7.134 confezioni dell’antivirale Paxlovid, portando la Lombardia al primo posto tra le regioni con il maggior numero di scatole distribuite nelle farmacie di comunità.

Tra le novità previste nel 2023, una nuova versione dell’App Farmacia Aperta che consentirà di prenotare alcune prestazioni direttamente sulle agende delle farmacie: da gennaio, lo screening del colon retto e i tamponi e, nei mesi a seguire, anche altri servizi come holter ed elettrocardiogramma. La farmacia dei servizi sarà quindi sempre più a portata di smartphone e vedrà un’ulteriore crescita delle prestazioni di telemedicina. Ad oggi, fanno parte della “Rete di Telemedicina Federfarma – HTN (health telematic network)” 1.590 croci verdi della Lombardia che, nei primi nove mesi del 2022 hanno effettuato 74.429 prestazioni, con invio dei risultati al dossier sanitario personale degli utenti: 34.041 elettrocardiogrammi, 23.998 holter cardiaci e 16.390 holter pressori con una crescita superiore al 50%rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Annarosa Racca, Presidente Federfarma Lombardia e Presidente Federfarma Milano, Lodi e Monza Brianza

“In Lombardia, il 2022 ha visto un’ulteriore, significativa crescita della farmacia dei servizi”, dichiara Annarosa Racca, Presidente Federfarma Lombardia e Presidente Federfarma Milano, Lodi e Monza Brianza. “Nel prossimo futuro, vogliamo poter offrire ai cittadini un numero sempre maggiore di prestazioni, finalizzate alla prevenzione e non soltanto alla cura, anche nei territori periferici. Per consentire alla popolazione un accesso ancora più ampio ai servizi di telemedicina – continua la Presidente – ci auguriamo di poterli presto eseguire in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Regionale. Altro fronte sul quale vogliamo crescere e supportare la sanità pubblica è quello delle vaccinazioni, estendendo la nostra offerta oltre il Covid e l’influenza, penso ad esempio al vaccino per l’Herpes zoster, per diventare veri e propri hub vaccinali, in un’ottica di crescente integrazione con il SSR”.

Nel nuovo modello di sanità di prossimità che si sta delineando con la riforma regionale, anche le farmacie rurali ricoprono un ruolo cruciale, per rispondere alle esigenze di salute dei cittadini che vivono lontano dalle strutture ospedaliere. “Le farmacie rurali continuano a dare un contributo estremamente significativo nell’ambito della farmacia dei servizi”, afferma Dario Castelli, Vice Presidente Rurale di Federfarma Milano, Lodi e Monza Brianza. “Nelle campagne antiCovid e antinfluenzale, assicurano un’alta capillarità dei punti vaccinali sul territorio, fattore chiave per la buona riuscita di queste iniziative. Allo stesso modo, anche la telemedicina rappresenta un ambito di sicuro sviluppo e un’opportunità da valorizzare per questi presidi, senza dimenticare quello che resta il primo compito delle farmacie, la gestione e la dispensazione del farmaco”.

Anche sul fronte della formazione si è lavorato alacremente, con l’organizzazione di numerosi eventi, corsi e webinar. “Abbiamo cercato di essere vicini alle reali esigenze dei colleghi, con l’offerta di corsi che potessero soddisfare le esigenze formative più sentite”, spiega Manuela Bandi, Direttrice di Fondazione Muralti. “In questo modo si spiega la ricca proposta di corsi a tema Covid, che hanno incluso incontri di carattere più pratico, ma anche divulgativo e tecnico. Oltre a ciò, stiamo partecipando a Cv-Prevital, un progetto ambizioso in cui le farmacie sono state scelte per il loro radicamento sul territorio, che ci permette di collaborare con professionisti stimati e centri di eccellenza, con l’obiettivo di implementare un modello innovativo di prevenzione primaria cardiovascolare”. Un anno intenso non solo sul piano formativo con i colleghi farmacisti, ma anche dal punto di vista informativo verso la popolazione. Si concluderà a gennaio a Milano, infatti, il roadshow in 12 tappe “Salute, un bene del territorio”, partito da Lodi lo scorso 20 aprile, che ha visto Federfarma Lombardia attraversare tutte le province lombarde con l’obiettivo di spiegare ai cittadini il nuovo assetto previsto dalla legge regionale 22/2021, il rilancio della rete ospedale-territorio e il ruolo essenziale delle farmacie nella riorganizzazione delle cure primarie, per una sanità “a chilometro zero”. Il roadshow ha visto la partecipazione costante di esponenti di spicco della politica e della sanità territoriale, accanto alla presenza delle Istituzioni regionali. Il 2022 è stato un anno in cui non è mancato l’impegno dei farmacisti lombardi anche sul fronte della solidarietà, come attestano le numerose iniziative benefiche cui hanno preso parte. Oltre 1.200 farmacie lombarde hanno aderito alla XXII edizione della Giornata di Raccolta del Farmaco (GRF) svoltasi dall’8 al 14 febbraio. Federfarma Lombardia ha inoltre sostenuto Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus in una raccolta di farmaci e beni di prima necessità, da destinare agli ospedali e alla popolazione in fuga dall’Ucraina. L’iniziativa, che si è svolta dal 6 al 16 marzo con il supporto logistico di ADF e Federfarma Servizi, ha permesso di raccogliere quasi 48.000 prodotti tra farmaci, cerotti, bende, disinfettanti, confezioni di latte in polvere e pannolini, tamponi rapidi e prodotti per l’igiene personale. Infine, dal 18 al 25 novembre, 800 farmacie lombarde hanno aderito all’iniziativa promossa sempre da Fondazione Rava “In Farmacia per i bambini”, per donare medicinali da banco e articoli baby-care a famiglie in povertà sanitaria.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli