29 Settembre 2022

La Commemorazione della morte di Gesù Cristo durante il Covid-19

di Antonio Barbalinardo

Una precedente Commemorazione
Una precedente Commemorazione

Le Congregazioni dei Testimoni di Geova in tutto il mondo stanno svolgendo la campagna inviti per la Commemorazione della morte di Cristo che si terrà il 7 aprile prossimo, momento di fede considerato il più importante dell’anno e ricorre in occasione del giorno della Pasqua ebraica, mentre la Chiesa Cattolica celebrerà la Pasqua di Resurrezione di Gesù Cristo domenica 12 aprile prossimo. Quest’anno tali momenti di fede non saranno celebrati in modo pubblico, poiché stiamo vivendo tutti la pandemia, ormai mondiale, dovuta al coronavirus.

Venerdì 27 marzo scorso abbiamo assistito alla preghiera svolta da Papa Francesco in piazza San Pietro, sotto una scrosciante pioggia, in forma solitaria, e anche le funzioni del Triduo Pasquale saranno svolte senza fedeli e teletrasmesse. Tutti siamo invitati al rispetto dei Decreti Ministeriali e Regionali che prevedono il blocco di qualsiasi tipo di riunione pubbliche o religiose.

Un plauso e riconoscimento va agli studiosi e ricercatori sanitari che si prodigano per sconfiggere il Covid-19, questo invisibile e sconosciuto nemico, ma occorre anche affidarci al buon Dio Padre affinché possa intervenire in nostro aiuto.

Invito alla Commemorazione
Invito alla Commemorazione

Le Congregazioni dei Testimoni di Geova non svolgeranno in forma pubblica la Commemorazione, come gli anni scorsi svoltesi in tutte le Sale del Regno dei 240 paesi del mondo dove è presente la loro opera di missione e di fede. Così nel rispetto di limitazioni e divieti di spostamenti dalle proprie abitazioni, l’opera della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova già da subito ha svolto a distanza, con i mezzi informatici e videoconferenze, la campagna d’incoraggiamento ai Fratelli di Fede. I simpatizzanti e coloro che desiderano condividere la ricorrenza della Commemorazione della morte di Cristo dal tema “Continuate a far questo in mio ricordo (Luca 22:19)” vengono informati e invitati con i medesimi mezzi informatici.

L'emblema del pane e del vino
L’emblema del pane e del vino

Passaggio dell'emblema del vino
Passaggio dell’emblema del vino

Con tale clima la Commemorazione sarà svolta e condivisa con i mezzi di comunicazione informatici e tramite videoconferenze in modo che chiunque lo desideri possa essere partecipe, di tale momento che sarà univoco in tutto il mondo.

Va riferito che avendo sospeso le riunioni di culto e annullato le attività di evangelizzazione a diretto contatto con il pubblico e con i Fratelli di Fede, la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, da subito ha iniziato a trasmettere le settimanali Adunanze in streaming e videoconferenza così gli interessati hanno avuto la possibilità di seguirle da casa, attraverso posta elettronica, social network e il sito ufficiale jw.org da cui è possibile scaricare video, pubblicazioni e leggere la Bibbia online, stanno invitando chi lo desidera a seguire la prossima Commemorazione.

I Testimoni di Geova prestano la loro opera di evangelizzazione anche in diversi Istituti Penitenziari, come la Casa di Reclusione di Bollate e non essendo possibile garantire la presenza di un ministro di culto per le carceri, quest’anno anche lì non sarà celebrata la Commemorazione della morte di Cristo, ma è stato concordato con i loro Direttori di dare anche ai detenuti interessati la possibilità di vedere e sentire il discorso di Commemorazione mediante un video che sarà reso disponibile sul sito jw.org. Nell’eventualità che non ci fosse la possibilità di connettersi alla rete internet, chiederanno alle Autorità Carcerarie di far pervenire in ogni reparto della struttura delle “Chiavette USB” contenenti il video della Commemorazione in più lingue, preparate per l’occasione dalla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova.

In questo modo le detenute e i detenuti, usando il proprio computer, potranno assistere alla Commemorazione stando nelle loro celle e condividere questo importante momento con quelli del loro stesso reparto che sono interessati.

Gli Anziani della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova hanno avviato un dialogo di collaborazione anche all’interno del Carcere di San Vittore di Milano dove avrebbe dovuto tenersi la Commemorazione della morte di Cristo.

 

 

 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli