5 Luglio 2022

Riparte per il quarto anno “Ora pOSSO”

RIPARTE PER IL QUARTO ANNO “Ora pOSSO”

Fondata sull’ascolto delle pazienti e giunta alla sua quarta edizione, “Ora pOSSO le donne con tumore al seno contro la fragilità ossea”, accompagna le donne

… colpite da tumore al seno, in un percorso di conoscenza della fragilità ossea e dell’aumento del rischio di fratture, come conseguenza delle terapie ormonali adiuvanti. Si amplia la rete dei sostenitori di Ora pOSSO: ai partner Amgen, Europa Donna Italia e F.I.R.M.O., si aggiunge il patrocinio di ROPI (Rete Oncologica Pazienti Italia), Susan G. Komen Italia e W4O (Women for Oncology), e il sostegno dello sponsor tecnico Acqua Uliveto. Questa edizione richiama l’attenzione sull’alimentazione, che per le donne con tumore al seno assume grande importanza. In particolare per le pazienti in terapia ormonale adiuvante è necessaria una dieta equilibrata che permetta la giusta integrazione di calcio e vitamina D. La pagina Facebook @EuropaDonnaItalia ospiterà un calendario mensile di dirette per approfondire con gli specialisti tematiche legate alla fragilità ossea e ai corretti stili di vita. Sul sito dedicato ossafragili.it/oraposso è possibile trovare tutti gli strumenti utili alle pazienti, come per esempio i programmi specifici di attività fisica dedicati alle pazienti per aiutarle a ‘sapersi muovere’ e mantenere le ossa in salute e a “saper chiedere” per costruire un dialogo efficace con lo specialista e a settembre sarà disponibile un booklet con alcune informazioni pratiche per una dieta bilanciata.

Il tumore al seno è il tumore più frequentemente diagnosticato nelle donne in Italia.2 Ogni anno se ne ammalano circa 55 mila donne: il 41% nella fascia d’età fino ai 49 anni, il 35% dai 50 ai 69, il 22% oltre i 70 anni. «Il trend è in costante crescita, ma grazie alla diagnosi precoce combinata con cure sempre più efficaci, è aumentata l’aspettativa di vita» afferma Paolo Veronesi, direttore del Programma Senologia e Divisione di Senologia Chirurgica IEO Istituto Europeo di Oncologia e Ordinario Chirurgia Generale, Università degli Studi di Milano.«Circa 8 pazienti operate al seno su dieci ricevono terapie ormonali adiuvanti, che permettono una sopravvivenza a cinque anni superiore al 91%. Ma l’effetto di queste terapie sull’azione degli estrogeni, comporta effetti collaterali importanti, specie nelle donne più giovani: si ha un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, il cambiamento dell’attività metabolica, con la possibilità di andare incontro ad aumento di peso, diabete e altre patologie spesso correlate con la menopausa, e una situazione di fragilità ossea con un aumento del rischio di fratture». A livello scheletrico la riduzione repentina dei livelli di estrogeni indotta dalle terapie ormonali adiuvanti espone le pazienti a un’alterazione della qualità ossea e a un maggiore riassorbimento osseo, con aumento del rischio di fratture da fragilità anche per traumi minori, spesso anche con valori di densità minerale ossea normali. È per questo importante intervenire in maniera tempestiva con terapie in grado di ridurre fino al 50% il rischio di fratture da fragilità.

«L’improvvisa riduzione degli estrogeni causata dalle terapie ormonali adiuvanti ha forti ripercussioni sulla salute in generale e su quella delle ossa in particolare, perché questi ormoni hanno un ruolo fondamentale nel processo di rimodellamento osseo», spiega Maria Luisa Brandi, Presidente dell’Osservatorio Fratture da Fragilità (OFF)«, infatti causano fragilità ossea e fanno impennare il rischio di fratture anche in seguito a minimi traumi. L’avambraccio è statisticamente quello che ne fa maggiormente le spese, ma tutte le ossa diventano più fragili. Queste pazienti vanno sottoposte ad un’analisi attenta del metabolismo osseo, per verificare i parametri di rimodellamento osseo, che solitamente in questi casi sono molto elevati. Quando una donna deve seguire una terapia ormonale adiuvante cronica per almeno 5 anni e in alcuni casi può arrivare a 10, è indispensabile che venga anche impostata una terapia antiriassorbitiva in grado di prevenire le fratture nel momento stesso dell’inizio della terapia ormonale». L’indagine condotta da Europa Donna Italia su 307 pazienti con tumore al seno dai 18 anni agli oltre 60 evidenzia che il 97% di loro è a conoscenza degli effetti collaterali a carico dell’apparato scheletrico delle terapie ormonali adiuvanti: il 54% ha ricevuto dall’oncologo informazioni sulla fragilità ossea collegata alle terapie ormonali adiuvanti, nel 14% dei casi le campagne informative sono state fonte di informazione per venire a conoscenza della problematica, mentre il 10% ha cercato informazioni indipendentemente, il 7% le ha ricevute dall’endocrinologo, il 4% dal medico di base e il 6% tramite associazioni pazienti.A quasi una paziente su due non è stata tuttavia prescritta una terapia per proteggere le ossa e quasi la metà segue una dieta mirata.

«I dati dicono che 1 su 4 fra le donne ammalate di tumore al seno subisce le conseguenze della fragilità ossea indotta dalle terapie ormonali con inibitori dell’aromatasi» afferma Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia. «Sono numeri importanti, confermati dalla nostra esperienza quotidiana a contatto con le pazienti, ai quali si contrappone però una carenza nell’informazione e dell’intervento terapeutico. Dalle nostre rilevazioni emerge un quadro con tante zone d’ombra, che ribadisce il valore e la necessità di proseguire con iniziative – come appunto “Ora pOSSO” – che sostengano a 360° le donne con tumore al seno, in collaborazione e con il diretto coinvolgimento degli specialisti che le hanno in cura. Oltre che stimolare un più approfondito confronto con il medico di riferimento riguardo la necessità di ricorrere ai farmaci anti riassorbitivi, bisogna far conoscere alle pazienti tutte le altre strategie utili a supportare le terapie nella prevenzione dell rischio di fratture, come praticare una regolare attività fisica e seguire una corretta dieta, tema al quale Ora pOSSO dedica non a caso un approfondito focus in questa quarta edizione». Dalla survey di Europa Donna Italia emerge che l’87% delle donne con tumore al seno è consapevole del fatto che l’alimentazione può essere un prezioso alleato per la salute delle ossa e addirittura il 97% è a conoscenza dell’importanza di calcio e vitamina D per salvaguardare il benessere dell’apparato scheletrico.Ma il passaggio dalla teoria alla pratica vede abbassarsi le percentuali: poco più della metà (58%) delle pazienti ha cambiato abitudini alimentari dopo la diagnosi di tumore al seno e sono appena il 66% quelle che assumono integratori di calcio e vitamina D.

Altri dati che meritano una riflessione: solo il 33% delle pazienti consapevoli del ruolo giocato dall’alimentazione per la salute delle ossa ha ricevuto un’indicazione dal proprio medico di riferimento, mentre il 36% di quante seguono una dieta mirata si è affidato esclusivamente al web per sapere quali cibi preferire. Il 77% delle intervistate indica proprio l’alimentazione tra i temi che vorrebbe fossero affrontati dalla campagna Ora pOSSO, insieme con l’attività fisica, i dolori legati alle cure ormonali e la prevenzione dei problemi alle ossa. «I pilastri che si affiancano alle terapie antiriassorbitive per contrastare la fragilità ossea indotta nelle donne con tumore al seno in terapia ormonale adiuvante sono una dieta bilanciata, che assicuri calcio e vitamina D, fondamentali per la salute delle ossa,  se necessario e secondo un piano di integrazione stabilito dallo specialista l’uso di integratori per garantire l’apporto di queste sostanze e una moderata ma regolare attività fisica, che aiuta a stimolare  i tessuti muscolo scheletrici  e contribuisce a ridurre il rischio di cadute e fratture. – avverte Lucilla Titta, nutrizionista, coordinatrice del progetto SmartFood, programma di ricerca in Scienze della nutrizione promosso dall’Istituto Europeo di OncologiaA partire dai 25 anni l’alimentazione è sempre importante per la salute delle ossa delle donne. E lo diventa ancora di più per le pazienti con tumore al seno in terapia ormonale adiuvante che hanno un aumentato fabbisogno di calcio da 800 mg a 1.200 mg al giorno: combinare agli integratori un’alimentazione mirata diventa una necessità assoluta.». Oltre ai latticini sono tanti gli alimenti vegetali ricchi di calcio che possono contribuire a una dieta bilanciata: per esempio cavolo nero, semi di sesamo, fagioli di soia, mandorle e fichi secchi. Per fare scorta di vitamina D, bisogna dare spazio nel menu a pesce (in particolare spigola, sgombro, triglie, alici) e uova. Curiosità: anche i funghi giapponesi Shiitake sono un’ottima fonte di vitamina D. Da evitare è invece l’alcol e va ridotto il sale: un suo consumo eccessivo, contribuisce anche alla decalcificazione delle ossa. Ora pOSSO, volto a migliorare la conoscenza e la prevenzione della fragilità ossea correlata alle terapie ormonali adiuvanti nelle donne con tumore al seno, è parte dell’approccio di Amgen che affianca alla ricerca scientifica un impegno a più ampio spettro per contribuire a migliorare la qualità di vita dei pazienti.

«Giunta alla sua quarta edizione, Ora pOSSO è un’iniziativa che ha saputo costruire un solido rapporto di vicinanza e dialogo con le pazienti, pienamente coerente con la missione di Amgen» commenta Maria Luce Vegna, direttore medico di Amgen Italia. «Il nostro impegno è infatti rivolto a integrare nel modo migliore possibile competenza scientifica, prevenzione e accesso alle cure, appropriatezza dei percorsi terapeutici. La più che decennale esperienza di Amgen nell’area della fragilità ossea ci consente di adottare con convinzione questo approccio, ispirando e promuovendo collaborazioni con associazioni pazienti, clinici, società scientifiche, centri specialistici e istituzioni sanitarie per sviluppare strategie capaci di intervenire positivamente sulla salute e sulla quotidianità delle donne costrette a vivere questa condizione». La campagna Ora pOSSO è attiva sulla pagina Facebook di Europa Donna Italia e sul sito dedicato ossafragili.it/oraposso con aggiornamenti e informazioni grazie al contributo di Esperti e pazienti.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli