venerdì, Luglio 19, 2024
spot_img

La colazione? Piace dolce, ma anche salata!

Una recente indagine sociologica di AstraRicerche per la Federazione Latterie Alto Adige va alla scoperta delle abitudini degli italiani in tema di colazione e, in particolare, di latticini…

…Ah, la colazione! Il pasto più importante della giornata, nonché momento perfetto per caricarsi e prepararsi a ciò che ci aspetta con calma, regalandoci un momento tutto per noi oppure da condividere con i familiari. Tutto questo e molto di più è emerso da un’indagine svolta da AstraRicerche – istituto italiano di ricerche sociali e di marketing – per la Federazione Latterie Alto Adige: l’intervista CAWI è stata condotta nel mese di aprile 2023 su un campione di più di 1000 intervistati dell’età compresa tra i 18 e i 65 anni.

Ne sono emersi dati molto interessanti, che confermano il grande amore degli italiani per questo momento, in cui spesso scelgono di deliziarsi e regalarsi una coccola in più grazie ai prodotti lattiero-caseari dell’Alto Adige. In effetti, integrare latte e latticini a marchio Qualità Alto Adige significa scegliere prodotti buoni e sani, dal gusto fresco e dai valori nutrizionali eccellenti. Che siano latte fieno, yogurt o formaggi, si tratta di prodotti creati seguendo ricette tradizionali che, abbinate alle più moderne tecnologie di lavorazione, soddisfano i numerosi criteri di qualità che li rendono unici (e buonissimi!).

“Iniziamo dalle basi: fare colazione è importantissimo e questo gli italiani lo sanno – commenta la Dott.ssa Verdiana Ramina, nutrizionista ed esperta di alimentazione – Una colazione completa ed equilibrata, infatti, permette di regolare il resto della giornata alimentare, evitando troppi snack e cene esagerate. È il primo passo per sentirti davvero bene, in armonia con il proprio corpo e la propria mente. Dopo un lungo digiuno notturno, infatti, il corpo ha bisogno di essere correttamente nutrito, per poter iniziare a svolgere le attività della giornata. In particolare, al mattino, quando i livelli di glicemia sono bassi e quelli di cortisolo – l’ormone dello stress – alti.” sostiene la Dott.ssa Ramina.

Suedtirol, Seiser Alm, bei der Rauchhuette, Milchprodukte, Joghurt,

Colazione dolce o colazione salata?

“Amanti del dolce, gli italiani sono famosi per la colazione tipica a base di cappuccino e brioche, vero cliché del Bel Paese. La colazione dolce è particolarmente energetica e, soprattutto, stimola la produzione di serotonina, che ha un effetto calmante e antistress. La differenza la fa sicuramente la quantità di zuccheri inseriti e il modo in cui questi sono

bilanciati all’interno del pasto, perché andrebbero sempre accompagnati da fonti proteiche e/o di grassi affinché il loro assorbimento venga modulato. Se ben studiate, possono essere anche queste delle buone scelte, equilibrate, soprattutto quando ‘naturalmente’ dolci, ovvero quando l’apporto di zuccheri è dato esclusivamente da miele, confettura e frutta fresca. Dal punto di vista nutrizionale, quindi, possiamo lavorare per creare combinazioni alimentari che apportino gusto e principi nutritivi” commenta ancora la dottoressa Ramina sulle abitudini dolcissime degli italiani.

Gli intervistati si dicono fan principalmente dei biscotti (52,6%) e dei croissant (42,8%). I primi, amatissimi dalle donne (54,1%), dalla generazione Boomer (56,7%) e nel Triveneto (58,2%); i secondi, sempre dai Millennials (44,0%) e nel Nord Ovest (45,2%). La Gen Z, invece, è molto amante dei cereali (31,6%), accompagnati per eccellenza dal latte o dallo yogurt. Anche gli zuccheri naturali sono molto consumati: si tratta principalmente di frutta fresca (13,1%), miele (12,4%) e frutta secca (10,7%). Molto più bassi – ma comunque presenti – i valori relativi alle scelte salate, che virano principalmente su formaggi (4,4%), crêpes salate (4,2%) e torte salate (3,4%).

La colazione salata, perfetta per quando si ha bisogno di energia e di mantenere la sazietà a lungo fino a raggiungere il pasto successivo, per gli ingredienti utilizzati è maggiormente ricca di proteine e risulta indicata quando si pratica sport o quando, per varie motivazioni, intercorrono molte ore tra il momento della colazione e quello del pranzo.

Ad oggi, questo tipo di colazione non è ancora troppo diffuso in Italia, ma sale sul podio quando si tratta di provare qualcosa di nuovo. La colazione cosiddetta nordeuropea – a base di uova e pancetta, ma anche salsicce, funghi, brioches salate e wurstel, senza dimenticare, nella variante scandinava, pesce come arringhe e tonno, ma anche pane tostato, gallette, cereali, pane scuro e integrale, burro, miele e marmellata – è al terzo posto tra le colazioni che incuriosiscono di più gli intervistati (31,1%): ad esserne attratti sono maggiormente gli uomini (36,8%), gli italiani della Gen X (33,6%), ancora una volta nel Triveneto (35,7%).

Quando si tratta di colazioni italiane, invece, subito dopo la sfogliatella napoletana – che detiene il primato indiscusso (23,8%) – si posiziona la combo altoatesina di pane di segale, burro e marmellata, amata dal 23,6% degli intervistati.

I latticini a colazione.

Dolce o salata, la composizione della colazione può davvero essere variegata, prevedere prodotti industriali o artigianali, ma soprattutto contemplare l’inserimento o meno di latte e latticini, che risultano molto amati.

“Inserire latte o yogurt a colazione è abbastanza comune come abitudine, fin da piccoli” continua la Dottoressa. “Un’abitudine che si perde leggermente con il passare dell’età, ma la percentuale dei consumatori di questa tipologia di prodotti resta comunque rilevante”.

Non a caso, infatti, il 55,6% ha affermato che consumare latticini durante la colazione è molto importante ed è anche emerso che il 75,0% consuma latte, il 69,5% yogurt e il 29,7% formaggi. Nello specifico, il latte è un alimento amato da donne e uomini in quasi egual

misura (75,7% vs 74,4%), dalla Gen Z (78,3%) e dai Boomers (77,8%). Per lo yogurt e il formaggio, invece, si registrano dati più elevati sugli uomini (71,4% e 32,5%), presso la Gen Z (83,9% in un caso, 38,8% nell’altro).

“Le motivazioni che spingono a un consumo di latticini durante la colazione sono molteplici e vanno dalla facilità e praticità di utilizzo, al senso di idratazione, fino a considerazioni più legate alla sfera nutrizionale. In generale, dal punto di vista nutrizionale è un’ottima idea inserirli durante il primo pasto dopo il digiuno notturno: latte e latticini sono infatti fonti di proteine nobili e minerali come calcio e potassio. In più, contribuiscono a creare il senso di sazietà che permette di iniziare al meglio la giornata” continua la dottoressa Ramina.

In particolare, lo yogurt tradizionale è sicuramente la scelta più rappresentativa della popolazione. La dottoressa Ramina consiglia di sceglierlo nella versione bianca naturale, come già fa il 17% degli intervistati, senza aggiunte di altri ingredienti o zuccheri. Yogurt e latte, in generale, risultano molto amati. Dagli uomini più che dalle donne, (65,9% vs 59,4%) e dalla Gen Z e Gen Y (67,5% e 67,4%). Meno convinta, invece, la Gen X, che si attesta al 56,9%.

Latte, yogurt o formaggi in Alto Adige ce n’è davvero per tutti i gusti! Parlando di latte, per esempio, nelle latterie si produce latte intero, a lunga conservazione, ESL e biologico. Ma il re è lui: il Latte Fieno, prodotto secondo le antiche tradizioni e fatto con latte di mucche alimentate con mangimi 100% naturali come fieno, crusca e cereali. Una vera e propria specialità tradizionale garantita!

Anche lo yogurt è un grande vanto dell’Alto Adige: è molto amato ed è ottimo per chi ama le colazioni fresche e leggere, senza però rinunciare al gusto.

Che si scelga dunque una colazione salata o dolce, la regola è una: inserire uno o più latticini per rendere il primo pasto della giornata completo e gustoso. Varietà e sapore fanno davvero la differenza nell’alimentazione!

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli