mercoledì, Aprile 17, 2024
spot_img

Alla Biblioteca Sormani una mostra sul volo in mongolfiera

di G.P.

Fino a sabato 24 giugno 2023, la Sala del Grechetto della Biblioteca Sormani ospita la mostra ad ingresso libero “Salir per l’aria e confidarsi al vento“, dedicata a Paolo Andreani e agli altri pionieri del volo in mongolfiera in Italia.

La mostra è curata dal fotografo e giornalista scientifico Marco Majrani, ideatore del “Festival del Volo” e responsabile della sezione di aerostatica del nuovo Museo dell’Aeronautica di Volandia a Malpensa, in collaborazione con Claudia Cisaro di Aeronord.

Attraverso una serie di documenti, stampe, quadri e cimeli provenienti dagli archivi della Sormani e concessi in prestito da collezionisti privati ed istituti culturali esterni, l’esposizione ripercorre in particolare la storia e le gesta legate alla figura di Paolo Andreani, di cui quest’anno ricorre il bicentenario dalla morte.

Nobile milanese, alfiere dell’Illuminismo e antesignano dell’aeronautica, il conte Paolo Andreani fu il primo italiano ad effettuare un volo in mongolfiera nel 1784 dal giardino della villa di famiglia a Brugherio, sulla scia dell’impresa realizzata appena un anno prima dai fratelli Mongolfier in Francia.

Il percorso espositivo di “Salir per l’aria e confidarsi al vento” si snoda attraverso quattro sezioni: la prima, “Introduzione e Spazio Kids“, illustra l’argomento del volo aerostatico attraverso pannelli e manifesti esemplificativi e – grazie all’aiuto dalle sagome “parlanti” di Piera La Mongolfiera e Gastone Il Pallone – spiega ai visitatori più piccoli il funzionamento della mongolfiera ad aria calda e del pallone a gas.

La seconda sezione, “Paolo Andreani e i primi voli“, è invece dedicata interamente alla figura del nobile meneghino: qui si possono trovare documenti autografi, disegni dei primi prototipi di macchine volanti, libri e giornali d’epoca che celebrano il successo del primo esperimento italiano di volo aerostatico.

Gli altri pionieri del volo in Italia e in Francia” è il titolo della terza sezione della mostra, dove vengono presentate altre personalità importanti dell’epoca come il francese Jean-François Pilatre de Rozier, che perì in un tentativo di traversata della Manica; Vincenzo Lunardi, che compì la prima ascensione in Inghilterra presso Chelsea con un pallone ad idrogeno; e Francesco Zambeccari, che realizzò l’ascesa di una mongolfiera a Venezia fino a Punta della Salute, evento che fu immortalato dal pittore veneto Francesco Lazzaro Guardi in quadro intitolato “La mongolfiera“, conservato oggi presso la Gemäldegalerie di Berlino.

Francesco Lazzaro Guardi – La mongolfiera

La quarta ed ultima sezione della mostra è intitolata “Milano e la Lombardia nella storia del volo” ed approfondisce il ruolo centrale della nostra città e del territorio lombardo nella storia dell’aerostatica e dell’aviazione nazionale: dal primo dirigibile progettato da Forlanini, alla teleferica del Monte Matanna costruita da Frassinetti; dal ruolo di primo piano della Caproni di Taliedo – la prima grande azienda aeronautica italiana nei cui spazi storici ha sede oggi il Museo del Volo di Volandia – fino ai funamboli del volo aereo acrobatico come Cirillo Stefanini.

La mostra “Salir per l’aria e confidarsi al vento” è aperta ad ingresso gratuito presso lo Scalone monumentale della Biblioteca Sormani tutti i giorni – tranne domenica – da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19, e sabato dalle 14 alle 18.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli