martedì, Aprile 23, 2024
spot_img

Aghi efficaci per l’artrosi al ginocchio

Svolgendo un’azione antidolorifica e antiinfiammatoria, l’Agopuntura è una valida terapia fisica…

…per alleviare il dolore dell’artrosi, malattia  dovuta all’usura e all’invecchiamento delle articolazioni.

Il ginocchio è una complessa struttura essenziale per il nostro movimento: ci consente di svolgere una vasta gamma di attività quotidiane come camminare, salire o scendere le scale, sollevarsi dopo essersi piegarti sulle ginocchia, alzarsi dalla sedia o dal letto, correre, andare in bicicletta e nuotare. Queste articolazioni supportano tutto il nostro peso, sia nel momento in cui camminiamo sia quando siamo fermi. Con il passare del tempo i menischi, che agiscono come ammortizzatori, stabilizzatori e protettori dell’articolazione del ginocchio, diventano più sottili e fragili, così come la cartilagine che può deteriorarsi completamente. Questo causa dolore, difficoltà nei movimenti e, in casi gravi, anche deformazioni. Con l’avanzare dell’età, si verifica una diminuzione del tono muscolare e della densità ossea, rendendo ancor più impegnativi e difficili anche semplici gesti quotidiani.

Per quanto riguarda i sintomi, gli anziani sono la fascia più a rischio (li denunciano tre ultra-settantenni su quattro). Più si invecchia, più si tende a provare dolore che ha intensità variabile a seconda del tipo di infiammazione, ma anche del grado di degenerazione articolare conseguente e peggiora quando si portano dei pesi, rendendo difficile, ad esempio, camminare trasportando la spesa. Nei casi più gravi la sofferenza compare anche senza fare sforzi particolari, in condizioni di riposo. Oppure l’individuo è costretto a zoppicare mentre cammina. Ritardare diagnosi e trattamento – l’artrosi, in generale è al secondo posto come causa di invalidità – può comportare un peggioramento della sintomatologia e condizionare la qualità della vita del sofferente, arrivando, nei casi più aggressivi, a compromettere la funzionalità delle strutture interessate: l’artrosi del ginocchio, ovvero l’usura, è spesso la causa.

“L’artrosi (conosciuta con il termine tecnico di gonartrosi) – precisa la Dottoressa Antonella Memmo, Medico Chirurgo a Milano Specialista in Anestesia e Rianimazione Agopuntorepeggiora la qualità della vita del pazienti che vive questa patologia come un handicap. Il dolore solitamentemigliora con il riposo, non si associa a episodi di gonfiore articolare e si accompagna a una rigidità al risveglio che in genere non supera i 30 minuti. La patologia – legata all’usura dell’articolazioneha un andamento cronico ed è più comune nelle donne e nei soggetti con nota familiarità. A peggiorare il processo degenerativo è il continuo utilizzo o sovraccarico della zona interessata. Le ginocchia scricchiolano anche per i chili di troppo, in chi ha subito traumi o infortuni, oppure in presenza di anomalie come il ginocchio varo o valgo, o in chi ha subito interventi chirurgici per la rimozione dei menischi. Le superfici articolari sono lisce e quindi scivolano le une sulle altre. Nel tempo, però, possono cominciare a fare attrito e a logorarsi. L’ artrosi è proprio la conseguenza di questo fenomeno e provoca l’usura progressiva del tessuto cartilagineo che riveste le articolazioni”.

Ad oggi non esistono terapie mediche efficaci a prevenire o rallentare la progressione del processo artrosico e i farmaci che si utilizzano sono prevalentemente mirati al controllo del dolore. Per questo è importante un trattamento precoce, con la terapia giusta: quanto più tempestiva è la cura dell’artrosi del ginocchio, tanto più completi e duraturi saranno i benefici ottenuti.

“Dobbiamo pensare – prosegue il clinico – che l ‘artrosi ha un’incidenza del 40% oltre i 64 anni e il 30% di questa percentuale ha come sintomo il dolore. Aumentando l’età, aumenterà quindi anche la cronicizzazione. Per questo è importante rallentare e contrastare questa patologia ricorrendo ad una terapia complementare come l’Agopuntura. Questa disciplina alternativa (presa in “prestito” dalla medicina cinese e molto diffusa nel nostro Paese per contrastare il dolore), non presenta effetti collaterali e costituisce un’opportunità perché, non prevedendo l’assunzione di medicinali, consente di “risparmiare” sull’uso degli antinfiammatori e di ridurre il loro carico di effetti secondari, specie quelli a livello gastrico. E questo è un vantaggio non da poco, soprattutto se si considera che l’artrosi al ginocchio – come appena sottolineato – colpisce  persone anziane e che tendono ad assumere medicine per lungo tempo, visto che devono fare i conti con una malattia cronica”.

Dottoressa Antonella Memmo, Medico Chirurgo a Milano, specialista in Agopuntura

Dottoressa Antonella Memmo, perché per ridurre il dolore dell’artrosi al ginocchio, è molto utile ricorrere all’Agopuntura?

Va premesso che gli aghi stimolano le cellule a produrre degli antinfiammatori e degli analgesici naturali. Si tratta quindi di un’opzione terapeutica che consente non solo il miglioramento del dolore (anche dei più sofferenti) e il controllo dell’infiammazione, ma anche a ristabilire un equilibrio complessivo della zona in questione, agendo sulla cartilagine, sull’osso e sulla circolazione. Naturalmente i danni da artrosinon sono recuperabili, però i sintomi come il dolore possono essere ben controllati anche per lunghi periodi. La tecnica aiuta a ridurre le contratture dei muscoli coinvolti nei movimenti del ginocchio. Il risultato è l’ottenimento di una soddisfacente qualità della vitae il normale svolgimento delle consuete attività quotidiane.  Va ricordato che l’artrosipuò colpire il ginocchio, ma si può manifestare anche in altre articolazioniche possono essere trattate con successo con l’Agopuntura.

A proposito di sedute, quante ne occorrono al paziente per ottenere dei risultati? Dopo quanto tempo si apprezzano gli effetti dell’Agopuntura?

Un agopuntore esperto è in grado di capire entro un paio di sedute come il paziente risponde alla terapia: già con quattro sedute si possono ottenere buoni risultati. Gli effetti dipendono da alcuni fattori tra cui età del paziente, lo stadio della patologia, il grado di cronicizzazione della medesima, precedenti trattamenti instaurati e la reattività individuale. Nella maggior parte dei disturbi ortopedici gli effetti positivi compaiono in tre-cinque sedute e diventano significativi in cinque-dieci trattamenti.. Non di rado il disturbo entra in remissione completa (i sintomi regrediscono completamente) soprattutto se l’Agopuntura è praticata precocemente. Le sedute si svolgono solitamente con una cadenza di una volta alla settimana.

Per quanto tempo gli aghi devono agire? Quali sono gli effetti? Si avverte dolore? Che cosa succede dopo una seduta di Agopuntura?

Gli aghi vengono lasciati inseriti nel punto per circa 25-30 minuti e poi vengono rimossi. Alcuni effetti sono immediatamente percepibili: l’effetto rilassante (sonnolenza, lieve torpore) e l’azione antidolorifica si possono manifestare, in breve tempo, rispetto all’inserzione dell’ago. La metodica non è dolorosa: si usano aghi sterili e monouso molto sottili che vengono infissi sottocute. Il trattamento dell’artrosi del ginocchio con questa tecnica è vantaggiosa anche per l’elevato risultato positivo. Va anche puntualizzato che l’Agopuntura aiuta a perdere peso se associata ad una dieta specifica e migliora il ritmo sonno-veglia e il tono dell’umore. Si tratta di una terapia personalizzata alle esigenze del paziente.

Da chi può essere praticata l’Agopuntura?

E’ importante ricordare che questa disciplinaè un atto medico, pertanto può essere praticata solo da medici in possesso di un diploma ottenuto da una scuola accreditata. Ciò permette l’iscrizione alle liste speciali per le Medicine non convenzionali dell’Ordine dei Medici di appartenenza.

Che cosa non bisogna fare prima di sottoporsi ad una seduta di Agopuntura?

Prima della seduta, il paziente non deve assumere alcol o sostanze eccitanti.

Dottoressa Memmo, per concludere, un  approccio integrato con altre metodiche può essere utile?

In caso di patologie degenerative come l’artrosi curate con l’Agopuntura, può essere

utile intervenire sulla postura del soggetto con trattamenti osteopatici uniti ad esercizi posturali mirati. In questo modo si può ripristinare una biomeccanica più fisiologica delle strutture e ridurre così il carico sulle articolazioni sofferenti. Inoltre la collaborazione tra il medico agopuntore e il medico specialista in ortopedia ed in fisiatria va comunque sempre auspicata e incoraggiata, in modo da integrare le rispettive terapie in modo sinergico.

Info: Dottoressa Antonella Memmo – Medico Chirurgo a Milano, Specialista in Anestesia e Rianimazione, Agopuntore  – memmo.anto@gmail.com

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli