Chissà se Leonardo da Vinci, oltre alla navigabilità e all’utilità agricola, aveva concepito i Navigli di Milano come delle docce pubbliche ad uso e consumo di persone senza fissa dimora. Di sicuro, oggi, l’amministrazione comunale è più permissiva dei reggenti…