Aperto il cantiere per la riqualificazione di Corso Sempione

di Sara Sedici

É partito il cantiere per la riqualificazione di Corso Sempione, dall’incrocio tra via Melzi d’Eril con via Canova fino all’incrocio tra via Emanuele Filiberto e via Biondi.

I primi lavori riguarderanno opere di segnaletica e piccoli interventi strutturali per tracciare stalli di sosta nella carreggiata lungo i due parterre e realizzare i dissuasori per tutelare le alberature e le panchine. Al concludersi di questi interventi partiranno, invece, i lavori strutturali di riqualificazione.

La conclusione di tutta la riqualificazione di Corso Sempione è prevista per la primavera del 2022.

“Da tempo la città chiede interventi per la riqualificazione di Corso Sempione – dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Lavori pubblici -. Il corso è uno dei principali accessi a Milano e ha un forte impatto non solo sul quartiere ma su tutta la città. Oggi i parterre sono usati per la sosta irregolare e questo genera degrado. Con questo progetto i cittadini avranno a disposizione una strada a quattro corsie ma anche nuove aree verdi e il collegamento con itinerari ciclabili in direzione centro-nord per collegare l’Arco della Pace, piazza Firenze, Cascina Merlata e il distretto Mind”.

51040400916_e2d98f1d71_k-1536x1024Il progetto, presentato ai cittadini nel 2019, prevede lo sviluppo del verde e corsie dedicate alla ciclabilità e ai pedoni, più sicurezza agli incroci, l’eliminazione del degrado e della sosta selvaggia, ma anche più spazi regolari per i residenti.

Il corso sarà un viale alberato a due corsie per i veicoli per senso di marcia – come in viale Certosa – con un controviale per ogni direzione, due parterre verdi alberati con all’interno una corsia pedonale e una ciclabile da due metri di larghezza.

La riqualificazione, inoltre, consentirà la creazione di circa 270 nuovi posti che si aggiungono ai 700 regolari già esistenti.

L’investimento è di 4 milioni di euro provenienti dai fondi europei Pon Metro.

Potete vedere un video dedicato al progetto qui.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *