Lo splendido progetto “Monte Stella: nascita di un modello di tutela condivisa”

di Sara Sedici

Per molti è semplicemente “la Montagnetta di San Siro”, per altri una collinetta che si erge fra svincoli autostradali e quartieri residenziali e niente più.

Invece il Monte Stella ha una storia importante alle sue spalle: venne concepito, insieme al quartiere QT8, dall’architetto Piero Bottoni in occasione dell’ottava edizione della Triennale di Milano con l’obiettivo di risanare e ricostruire la città distrutta dal conflitto bellico.

Realizzato con l’accumulo delle macerie provocate dalla Seconda guerra mondiale, venne poi completato nel 1960 e per decenni questo parco pubblico è stato visitato e utilizzato da milioni di milanesi e non solo.

Milano-Monte-Stella

E ora, raggiunti i suoi primi sessant’anni di “vita”, ha bisogno di urgenti interventi di ripristino e manutenzione. Le acque piovane stanno, infatti, innescando smottamenti di vario genere, compromettendo anche la stabilità delle alberature. Ma non è tutto: il parco ha bisogno di miglioramenti per semplificare la fruizione da parte di tutti i cittadini.

È con questi intenti che cittadini e associazioni si sono uniti per dare il via al progetto “Monte Stella: nascita di un modello di tutela condivisa“.

Tra i loro obiettivi principali ci sono: la manutenzione dell’area non solo come semplice “cura” degli spazi, ma come strumento di prevenzione e sensibilizzazione – attraverso la creazione un percorso di conoscenza e partecipazione attiva sul tema dei danni ambientali – e il ripristino della sicurezza del luogo per permettere di preservare la componente vegetale presente oltre che migliorarne, successivamente, la qualità.

Inoltre, grazie ad alcuni accorgimenti tecnici, verrà realizzato un percorso per consentire anche ai diversamente abili di percorrere, in autonomia o supportati, il perimetro del Monte Stella. Si tratterà della prima realizzazione in Lombardia, di tale lunghezza, in un parco pubblico.

Il progetto sarà realizzato da sei partner principali, quali Ambienteacqua Onlus, Comune di Milano, AIPIN, CAI Milano, Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Milano e Non Riservato insieme ad una vasta rete di organizzazioni interessate al territorio.

Per scoprire meglio i loro propositi e tutte le attività, potete visitare il sito www.parcomontestella.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *