AL MONUMENTALE RITORNA LA RASSEGNA TEATRALE DEDICATA AI RAGAZZI

di Sara Sedici

Da questo weekend riparte “Monumentale 4 Kids”, la rassegna di spettacoli teatrali gratuiti che si svolge all’interno del Cimitero Monumentale, dedicata a ragazzi e ragazze dagli 8 ai 13 anni.

In tre giornate – sabato 19 Settembre, sabato 3 Ottobre e sabato 17 Ottobre – si susseguiranno cinque appuntamenti con due spettacoli scritti e interpretati da diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi con i musicisti della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado. Temi centrali di queste due opere saranno lo spirito creativo di Bruno Munari e l’opera immortale di Alessandro Manzoni.

L’iniziativa – promossa dal Comune di Milano e realizzata da Fondazione Milano – mira a valorizzare “il più grande museo a cielo aperto della città” mettendo in scena le storie dei personaggi che hanno fatto grande Milano, molti dei quali sepolti e ricordati proprio al Monumentale. Attraverso il linguaggio del teatro si cerca, quindi, di avvicinare i più giovani ad un luogo ricco di arte, storia e memoria che nel 2019 ha accolto tra i suoi viali alberati oltre 100mila visitatori.

Il primo appuntamento è per sabato 19 Settembre – con doppio spettacolo alle ore 11.30 e alle ore 15 – dove andrà in scena “Tutto ciò che prima non c’era” di Luca Rodella con Paola Campaner, Giuseppe Palasciano e musiche di Roberto Dibitonto. Grazie allo spirito creativo di Bruno Munari, ci si addentrerà in un viaggio fantastico tra le tombe del Monumentale dove si scoprirà come un mondo ultraterreno sia tutto da creare attraverso musica, colori, forme e scarabocchi. I ragazzi saranno condotti in un aldilà tutto da immaginare e inventare perché con la fantasia si può creare anche l’irrealizzabile.

Lo spettacolo sarà replicato sabato 17 Ottobre alle 11.30 e alle ore 15.

Sabato 3 Ottobre alle ore 15, invece, andrà in scena lo spettacolo “Oserei dire: Provvidenziale!” di Luca Rodella con Giuseppe Palasciano, Sara Zanobbio e musiche di Roberto Dibitonto. Due istrioni del Seicento irrompono in scena a suon di versi: lui sanguigno e prepotente, lei cauta e di lui innamorata. L’impresa impossibile sarà creare un’opera immortale che narri l’Italia degli umili e oppressi, coi suoi paesaggi colmi di speranze e timor di Dio, attraverso le crisi, le pestilenze, le ottusità popolari e qualche virtù. Un assaggio de “I Promessi Sposi” di Manzoni in chiave leggera e divertente.

Tutti gli eventi si svolgeranno nel rispetto dei protocolli di sicurezza e saranno confermati anche in caso di pioggia.

L’ingresso agli spettacoli è gratuito ma con prenotazione obbligatoria. Dato il numero limitato di posti disponibili si accetta la prenotazione di un solo accompagnatore per ogni bambino.

Per le prenotazioni per la prima giornata di spettacoli, vi rimandiamo al sito.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *