SOSTE RELAX NEL PRATONE DI PORTA NUOVA

di Carlo Radollovich

Il covid-19 ci ha lasciati del tutto straniti e amaramente frustrati, non solo per averci costretto per tre mesi tra le pareti domestiche, ma anche per quel gravoso stop di molte attività che peserà in modo consistente sulla nostra economia. E ci ha lasciato pure mogi per le lunghe code davanti al supermercato, per le fastidiose ma necessarie autocertificazioni, soprattutto per i mancati contatti con gli amici e la società in generale.

Ma ora, sebbene la pandemia non ci abbia ancora abbandonato del tutto, ecco nascere, vicino ai grattacieli di Porta Nuova, il desiderio di “risorgere” da tutte quelle storture che si sono abbattute su di noi milanesi e non solo. Si tratta dell’apertura di un’ottantina di ombrelloni presso la Biblioteca degli Alberi, un vasto pratone in grado di accogliere numerosi cittadini.

Parliamo del “Lido Bam”, ove sarà possibile ricavare una magica impressione di “mare”, soprattutto per quei milanesi che avranno deciso di trascorrere le vacanze in città. Si potrà risvegliare in noi il desiderio di entrare in contatto con la natura, di passeggiare nel verde anche se distanziati come da regolamento e muniti, per ora, anche di mascherine (che potrebbero sparire, come vivamente confidiamo, il 30 di giugno).

Occorre ovviamente ricorrere alla prenotazione per poterci garantire un posto. Il gettone d’ingresso ha un costo veramente esiguo: con 5 euro viene offerta la possibilità di usufruire di due sdraio per l’intera giornata. Le mamme potranno finalmente godersi del sospirato sole, i bambini si occuperanno di giochi creativi mentre i mariti, se del caso, potranno cimentarsi in gare a bocce.

In caso di improvvisi o forse già previsti stimoli d’appetito, si potrà contare su appositi chioschi, in grado di offrire cibi e bevande a volontà. Ma non mancheranno nemmeno le fontanelle alle quali i bimbi sono particolarmente affezionati. Altre persone potranno approfittare di un ampio prato sul quale sono stati disegnati cerchi che aiuteranno ad osservare le vigenti normative in tema di distanziamento.

Insomma, in pieno centro cittadino si avrà la possibilità di rilassarsi completamente, lontani da frastuoni e da altri fastidi, certi di iniziare a dimenticare quei tre mesi di “lockdown” che ci hanno fatto soffrire ma anche arrabbiare…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *