IL VERDE IN PIAZZA DUOMO

di Carlo Radollovich

Numerosi lettori ricorderanno l’arrivo di piante di palma e banani (febbraio 2017) nella piazza più prestigiosa della nostra città nonché il relativo accordo sponsoristico siglato dal Comune di Milano con Starbucks, una catena di caffè statunitense, titolare di oltre 28mila negozi nel mondo.

Le discussioni, aperte da subito su questo tema, furono molteplici e decisamente vibranti:  architetti che contestavano l’insolita collocazione, agronomi che non si dichiaravano d’accordo circa il tipo di piante prescelto, paesaggisti che ritenevamo tale inserimento un vero affronto alla piazza più importante di Milano, e così via.

Va ora detto che il contratto di sponsorizzazione con Starbucks scadrà a fine dicembre e Palazzo Marino è alla ricerca di nuovi sponsor che, per altri tre anni, assicurino la presenza del miglior verde in piazza Duomo.

Si dovrà contemporaneamente decidere se il contestato quadretto esotico (ma anche gradito da parte della cittadinanza) possa essere confermato o se invece si vorrà fare dono alla piazza di eventuali arbusti le cui radici, tuttavia, dovranno tener conto dei centoventi centimetri di terra che le separa dal mezzanino del metro’.

Va in ogni caso riconosciuto che, con il trascorrere dei mesi, il tono delle persone malcontente si faceva più pacato, tanto da osservare che parecchi turisti amavano, e amano tuttora, farsi fotografare tra palme e banani, in presenza di coloratissimi fiori inseriti come delicata cornice.

Alla fine ci si chiede:  la “rivoluzione” botanica, in essere da quasi tre anni, merita di essere conservata, modificata o addirittura cancellata come qualche personaggio, amante del bon ton classico e tradizionale, sinceramente si augura?

Il Comune, a partire dai primi di settembre, prenderà nota di nuove proposte relative al verde e solo a fine dicembre potremo conoscere quale preferenza agreste (oppure nessuna) sarà stata finalmente votata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *