TEATRO LIRICO: ANCORA RITARDI

di Carlo Radollovich

I milanesi sono da sempre affezionati a questo prestigioso teatro, inaugurato nell’agosto del 1779 (battezzandolo “della Cannobiana”), teatro che si presentava con una elegante  pianta a ferro di cavallo e con vari ordini di palchi. L’opera appartiene, come risaputo, a quell’inimitabile architetto che si chiama Giuseppe Piermarini.

Un brevissimo cenno storico. Divenne proprietà del Comune di Milano nel 1926 e fu notevolmente danneggiato da un grave incendio poco prima dell’inizio del secondo conflitto mondiale. Lo stesso Comune decise di restaurarlo con opere innovative e il teatro riusciva a ripartire con un ruolo rappresentativo di spicco.

Ma ecco irrompere una forte crisi finanziaria che aveva addirittura imposto una sua chiusura. Solo nel 1975 il teatro si rilanciò con un’opera di Luigi Nono diretta da Claudio Abbado. Seguirono altre rappresentazioni di indubbio valore sino agli anni Novanta, esattamente sino al 1999. Poi la chiusura, purtroppo, in attesa di nuove ristrutturazioni e di necessari restauri.

Il cantiere non ha mai cessato di funzionare, ma le opere intraprese per la gioia di noi cittadini risultano ancora oggi non concluse. Ci si chiede: i lavori relativi non dovevano forse terminare due anni fa, precisamente entro settembre 2017?

Va subito detto che alcuni intralci hanno notevolmente ritardato l’inaugurazione. A cominciare dalla presenza di amianto in diverse parti della struttura,  che ovviamente hanno innescato le necessarie opere di bonifica, protrattesi ben oltre il previsto.

Poi il rinvenimento del soffitto dorato sotto numerosi strati di vernice ha boccato i lavori con la finalità di preservarlo nel più valido dei modi. E ancora furono rinvenute alcune preziosità artistiche espressamente volute dallo stesso Piermarini. Si arrivò al conseguente stop per  poterle salvaguardare con una lunga serie di interventi.

Tutti questi arresti e le conseguenti varianti inserite hanno fatto aumentare considerevolmente i costi, passati da 8 milioni circa di euro a ben 12 milioni.

Le ultime notizie riguardanti il Lirico ci dicono che il termine (definitivo ?) dei lavori sarebbe stato fissato per il prossimo mese di ottobre e che entro la fine del 2019 scatterebbe finalmente l’inaugurazione.  Possiamo crederci ? O ci saranno ulteriori cocenti delusioni…?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *