La sindrome dell’occhio secco

di Stefania Bortolotti

Con il patrocinio del Ministero della Salute, della Regione Lombardia, del Comune di Milano e della Società Italiano di Oftalmologia (SOI), il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS) promuove in collaborazione con la Clinica Oculistica dell’Università dell’Insubria di Varese il Mese della Prevenzione e Diagnosi della Sindrome dell’Occhio Secco.

CentroitalianoocchioseccoLa sindrome dell’occhio secco è una patologia determinata dalla disidratazione cronica della congiuntiva e della cornea, che ne provoca l’irritazione.

È dovuta principalmente ad una riduzione quantitativa o ad un’alterazione qualitativa del film lacrimale, che ricopre l’occhio e, di norma, lo lubrifica e lo protegge. La scarsa produzione o l’eccessiva evaporazione delle lacrime può rappresentare la complicanza di blefariti, congiuntiviti (incluse le forme allergiche) e altre malattie infiammatorie dell’occhio.

Si tratta di una patologia che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito “tra i più sottovalutati disturbi della società moderna” e in Italia colpisce il 90% delle donne in menopausa e il 25% della popolazione over 50. Tra le molte cause vi è il drastico cambiamento delle condizioni climatiche del globo. Le ondate di calore, la siccità ormai quasi perenne, la desertificazione di aree sempre più prossime alla città hanno causato, come dimostrano studi scientifici, un aumento dell’incidenza della secchezza degli occhi e un peggioramento dei suoi sintomi. Durante la Campagna “Mese della Prevenzione e Diagnosi della Sindrome dell’Occhio Secco” diversi Centri di eccellenza universitari e ospedalieri su tutto il territorio nazionale saranno a disposizione per una visita gratuita e una serie di esami diagnostici di specialisti che consentono di rilevare anomalie nel sistema lacrimale e di fare eventualmente diagnosi adeguate. Lo “screening” verrà eseguito solo nei Centri aderenti all’iniziativa; prenotandosi attraverso il sito www.centroitalianoocchiosecco.it a partire dal prossimo 8 maggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *