SAFOA, la scuola per gli amministratori condominiali che vogliono eccellere

Si chiama SAFOA, la scuola per amministratori condominiali che ha sede a Milano in via Desiderio 3/9. Ed è un caso unico in Italia in questo settore. Non è collegata ad associazioni o organizzazioni di categoria, che per statuto non hanno finalità di formazione, né riceve sponsorizzazioni o sostegni finanziari da parte di aziende o fornitori esterni.

Safoa opera in modo autonomo, fornendo servizi formativi di alta qualità a coloro che vogliono intraprendere l’attività di amministratore condominiale o, avendo già questa qualifica, hanno necessità di mantenersi aggiornati sulle frequenti novità di tipo legislativo, tecnico, gestionale, ecc., che riguardano tale professione.

relatore-fronte
L’avv. Palmiro Fronte

Chi si avvicina alla nostra scuola – conferma l’avvocato Palmiro Fronte, fondatore e coordinatore scientifico di Safoa – lo fa in modo volontario, con lo scopo primario di imparare nel modo migliore la professione, ed essere sicuro di poterla svolgere con successo. L’iscrizione non è obbligatoria. Solo, dopo averne verificata la qualità, il socio corrisponderà la relativa quota (attualmente 250 euro annui).

L’importanza della funzione didattica

Tale autonomia, d’altra parte, permette a Safoa di concentrare la propria attività esclusivamente sulla funzione didattica, mirando all’obiettivo di ottenere, per coloro che seguono i propri corsi, una elevata professionalità, ben al di là degli obblighi formativi previsti dal Decreto Ministeriale, instaurando con i discenti un rapporto di fiducia reciproca, assistenza e consulenza continuativa e mirata.

La scuola è nata nel 2006 con l’intento di venire incontro alle esigenze formative di imprenditori, dirigenti e amministratori, ma dal 2014, si è specializzata nella formazione specifica degli amministratori di condominio, potendo anche disporre di una propria sede per lo svolgimento delle attività didattiche.

L’aula ha una quarantina di posti ma i corsi, in genere, non prevedono la partecipazione di  più di 20/25 studenti per lezione. E’ importante che il numero sia contenuto per evitare dispersioni, in modo che le docenze frontali consentano la massima partecipazione e il più ampio coinvolgimento possibile di tutti i presenti.

Aula-grande-Safoa

I corsi, arrivati ormai alla sesta edizione, sono affidati a vari docenti – sono oltre una decina quelli che operano in Safoa – che si alternano per tutto il calendario dei corsi – circa un centinaio, tra quelli base e quelli specifici – che coprono i mesi da settembre fino a luglio.

Su richiesta di almeno cinque/sei soci è possibile poi organizzare seminari ad hoc su temi specifici, che possono anche essere ripetuti, se necessario. Inoltre, non mancano incontri sociali, al di fuori della scuola – definiti open day – per creare una maggiore coesione tra i partecipanti, anche perché è importante favorire il più possibile la condivisione di esperienze sul campo.

L’attenzione alla deontologia professionale

La scuola Safoa non fa pubblicità, né svolge azioni di marketing per farsi conoscere – dice ancora l’avv. Palmiro Fronte – si affida esclusivamente alla qualità del prodotto formativo offerto, tanto è vero che il sistema più efficace per diffondere la propria attività è basato sul passa-parola. Infatti, chi è soddisfatto della propria esperienza di apprendimento, è spinto a condividerla con altri.

Un’altra importante caratteristica della scuola Safoa è che i corsi non si limitano soltanto ad aspetti di natura tecnica, contabile e segretariale, ma riguardano anche attività di comunicazione e gestione dei rapporti con i fornitori, i collaboratori e i condòmini. Basti pensare che, tra gli altri, sono previsti anche corsi di dizione, di gestione dello stress, di conduzione delle telefonate e delle mail, di motivazione, di sicurezza sul lavoro, di governo di un’assemblea, ecc.

Il tutto, senza fermarsi all’aspetto puramente teorico, ma, ad esempio, facendo partecipare i soci ad assemblee condotte da amministratori più esperti in modo da poter verificare sul campo le strategie migliori per condurre in chiave positiva le riunioni condominiali che rappresentano uno dei momenti più delicati e critici di questa professione.

Alla fine dei corsi, sono previsti degli esami orali che durano 45 minuti per il corso di base e una decina di minuti per quelli di aggiornamento. L’esame viene svolto da una commissione presieduta dal coordinatore scientifico che rilascia l’attestato di partecipazione. In Safoa, non sono previsti attestati di frequenza né vengono erogati facili “crediti formativi”.

Al di là dei diversi insegnamenti, che abbiamo sintetizzato sopra, l’aspetto più importante per chi frequenta la scuola Safoa riguarda il raggiungimento dell’obiettivo deontologico e morale che la professione oggi più che mai richiede. Nessuno, ormai, può dedicarsi a questa attività affidandosi all’improvvisazione. Ognuno è obbligato ad acquisire una seria e valida professionalità.

Ecco, perché è necessario che gli amministratori condominiali siano particolarmente attenti ai problemi che riguardano l’onestà, la correttezza del loro comportamento, la trasparenza, la capacità di mediazione e di ascolto, in modo che l’immagine di professionalità che incarnano – e che si riflette anche sulla scuola che li ha formati – sia sempre all’altezza di quei valori fondanti che rispondono a un vero e proprio servizio sociale offerto alla comunità. L’importante, infatti, è crearsi una buona reputazione nei confronti dei condòmini e dei fornitori e, soprattutto, conservarla e consolidarla nel tempo con un comportamento impeccabile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *