L’ANTICA CHIESA DEI SANTI GIUSEPPE E TERESA, ORA MEDIATECA

di Carlo Radollovich

Il vecchio tempio dedicato ai Santi Giuseppe e Teresa (oggi situato in via della Moscova 28) faceva parte del seicentesco complesso monastico delle Carmelitane Scalze (1674 – 1782). Nei secoli seguenti, l’edificio fu sottoposto a diverse modifiche. Infatti, dopo la soppressione del monastero, avvenuta nel 1782, la chiesa e gli edifici in cui risiedevano le suore divennero proprietà demaniali. Subentrò la manifattura tabacchi, poi un presidio militare, addirittura una zecca e infine un dopolavoro aziendale.

Ma come viene ricordata la vecchia chiesa? Era a croce greca, con eleganti volte a botte e cupola centrale, e presentava un caratteristico pronao (parte anteriore dell’edificio) a tre arcate. L’edificio riuscì fortunatamente ad evitare la distruzione nel corso del secondo conflitto mondiale, fu sottoposta a vincolo monumentale nel 1959 e successivamente (1974) entrò in possesso del Comune di Milano.

Ora, nel vecchio tempio opportunamente ristrutturato in modo radicale, ha sede la Mediateca Santa Teresa (vedi foto), ossia una sezione della Biblioteca Nazionale Braidense, dedicata alle nuove tecnologie. Una interessante raccolta video mette a disposizione tutte le trasmissioni Rai dagli anni Cinquanta in poi nonché i programmi Mediaset con decorrenza 1999. Va segnalato inoltre che uno speciale archivio è stato creato per la canzone napoletana e che sono pure disponibili materiali digitalizzati della Braidense.

Ma ecco un servizio del tutto particolare svolto da Mediateca: vecchi filmati di famiglia, a livello privato, possono essere convertiti in dvd. Chi fosse interessato all’argomento potrebbe chiedere delucidazioni per posta elettronica al seguente indirizzo: homemovies.milano@gmail.com.
Viene soltanto richiesta una “contropartita”: depositare una copia delle registrazioni convertite in dvd presso gli uffici di Mediateca. Si ritiene infatti che tutte queste memorie possano in futuro essere prese in considerazione, e soprattutto studiate, da parte di psicologi e sociologi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *