LE CUCINE ECONOMICHE DI VIALE MONTE GRAPPA 8

di Carlo Radollovich

L’architetto Luigi Broggi (1851 –  1926), sempre molto attivo nella vita pubblica di Milano, dava notevoli contributi nel riorganizzare urbanisticamente la nostra città tra il XIX e il XX secolo. In piazza Cordusio e dintorni, Broggi progettava il palazzo del Credito Italiano, realizzato nel 1902 e successivamente ampliato nel 1908,  applicando tecniche assai innovative per quegli anni, creava la sede della Borsa tra il 1899  e il 1901 (poi diventata Palazzo delle Poste), accoglieva la richiesta della regina Margherita, consorte del re Umberto I, nell’erigere la sua bellissima villa di Bordighera.

Ma qui desideriamo ricordare in particolare che l’architetto Broggi aveva progettato un caratteristico edificio in viale Monte Grappa, che oggi è sede degli Uffici del Centro socio-ricreativo per anziani e che appartiene ai Servizi sociali del Comune di Milano.

Tale costruzione, ristrutturata, rappresenta un significativo esempio dello stile neoromanico milanese. Nel 1883 ospitava il Comitato per le Cucine Economiche e i Forni Sociali, Comitato che si proponeva di far fronte ai bisogni primari della classe operaia, offrendo apprezzati pasti a prezzi molto contenuti. E la vecchia scritta “Cucine Economiche” appare ancora oggi, alquanto sbiadita, sulla parte alta dell’edificio.

Lo stabile comprende due piani: in quello inferiore si trovano le cucine e la mensa, in quello superiore gli uffici amministrativi.

Una nota curiosa: nel piccolo cortile interno si intravede, tra la folta vegetazione, una graziosa edicola, la quale, prima dell’avvenuta ristrutturazione, conteneva numerosi ex voto (ora non più presenti), risalenti alla fine dell’Ottocento / inizio del Novecento. Questi oggetti, a ricordo di grazie ricevute, venivano offerti dai ferrovieri milanesi a diversi Santi.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *