MILANO: BOOM DI VISITATORI

di Carlo Radollovich

Il “battage” promozionale effettuato all’estero, relativo a quanto di culturale e di turistico è in grado di offrire la nostra città, sta facendo riscontrare ottimi risultati. Si parla infatti di un arrivo, nel corrente mese, di circa 1,5 milioni di visitatori ossia il 5% in più rispetto allo stesso periodo del 2017.

Certo, non si tratta ancora degli importanti numeri raggiunti in occasione dell’Expo 2015, ma molti segnali fanno presagire che la tendenza al rialzo di turisti possa proseguire per tutto il periodo estivo.

Del resto, già a giugno si era potuto constatare, in occasione delle visite alle terrazze del Duomo (file lunghissime) e delle giornate di danza con Roberto Bolle, che la stagione stava per partire nel migliore dei modi. Le presenze più massicce di cinesi, giapponesi, sudcoreani e tedeschi ne davano ampia testimonianza.

Ora, i visitatori rimarranno sicuramente incantati dagli spettacoli di “Estate Sforzesca”, dalle opere in programma presso il Teatro alla Scala, dai numerosi concerti già prenotati e da cento altre manifestazioni di interesse artistico e culturale.

Va detto, in ogni caso, che Milano resta ancora turisticamente debole rispetto a certi giganti dell’intrattenimento come Madrid, Parigi e Barcellona, ma il raffronto è migliorato sensibilmente in questi ultimi anni. Occorrerà però percorrere non soltanto le strade della promozione, ma anche quelle del richiamo ospitale, elencando hotel sicuri sotto ogni profilo, di favorevole accoglienza e comfort, se possibile a livelli di prezzo contenuti.

Rappresentiamo oggi la quarta città italiana in tema di turismo (dopo Roma, Firenze e Venezia) e ci proponiamo di sventolare, come benvenuto, una lodevole bandiera meneghina che da tempo ci contraddistingue: quella della cordialissima disponibilità.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *