VACCINI, VITTIME DEL LORO STESSO SUCCESSOI

di Stefania Bortolotti

L’allarme rosso era scattato nel maggio 2017 il report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità indicava che in Italia le coperture vaccinali erano tra le più basse d’Europa e addirittura inferiori a quelle di alcuni Paesi africani. Ma dopo quel minimo storico si è consolidata la risposta delle istituzioni culminata nel Decreto Lorenzin (28 luglio 2017) che ha invertito il trend e ha disegnato un nuovo scenario nelle politiche vaccinali: nel 2017, la copertura anti-polio è risalita al 94,5%, quella contro il morbillo è cresciuta del 4,4% arrivando al 91,6%, mentre l’anti-pneumococcica è passata dall’88,4% nel 2016 al 90,8% nel 2017. Basta poco però – tra ondate di fake news e ricorsi delle Regioni – a invertire questo circolo virtuoso e rimettere in discussione le vaccinazioni, l’intervento medico a più basso costo che ha permesso di sconfiggere malattie causa di disastrose epidemie.

Secondo le stime dell’OMS, i vaccini salvano nel mondo 5 vite ogni minuto, 7.200 ogni giorno e consentiranno, entro il 2020, di aver evitato oltre 25 milioni di morti nel decennio che stiamo vivendo. L’invito a non compromettere i risultati ottenuti in questi mesi arriva dagli esperti che hanno partecipato al Corso di Formazione Professionale Continua “I vaccini: vittime del loro stesso successo. Il ruolo dei media per contrastare la vaccine hesitancy e informare sull’opportunità vaccinale”, promosso, insieme al Master “La Scienza nella Pratica Giornalistica” della Sapienza Università di Roma, dalla Fondazione Giovanni Lorenzini che, dopo il Corso dedicato all’antibiotico-resistenza, consolida il proprio impegno nella prevenzione delle patologie a largo impatto sociale. Al tema dei vaccini la Fondazione Lorenzini ha dedicato due quaderni de Il Sole 24 Ore-Sanità, “Dalla vaccine hesitancy alla vaccine recovery” e “Prevenzione oncologica con il vaccino anti-Papillomavirus umano: Domande e… Risposte”, realizzati con il contributo incondizionato di MSD.  «Il fenomeno della “esitazione vaccinale” è complesso e in aumento e una delle motivazioni è il timore di effetti collaterali» afferma Sergio Pecorelli, Presidente di Giovanni Lorenzini Medical Foundation, New York, NY (USA). «La comunicazione delle informazioni è uno degli aspetti più delicati e deve tenere conto di tutte le domande e i dubbi posti dai genitori o da chi deve essere direttamente vaccinato, anche se privi di ogni fondamento scientifico». Le vaccinazioni sono considerate “vittime del loro stesso successo” in quanto molte elle malattie prevenibili con un vaccino sono progressivamente scomparse e non hanno più rappresentato, per i cittadini, un pericolo reale per la salute. Per fare un esempio, rispetto all’epoca pre-vaccinale la riduzione dei casi di alcune malattie prevenibili è stata del 100% per la poliomielite, del 99,4% per la rosolia, del 96% per il morbillo. Proprio di questo successo, paradossalmente, si alimentano i movimenti anti-vaccinali che hanno preso di mira in particolare le combinazioni vaccinali somministrate in età pediatrica. Ma numerosi studi clinici dimostrano che la somministrazione contemporanea di più antigeni presenti nei vaccini combinati, immessi in commercio dopo accurati studi biomedici, offre una protezione efficace pari a quella dei vaccini somministrati singolarmente, non indebolisce né sovraccarica il sistema immunitario dei piccoli. «La vaccinazione è il miglior sistema per indirizzare il sistema immunitario del neonato e del bambino molto piccolo a difendersi proprio verso ciò per cui è importante difendersi» afferma Alberto Villani, Presidente Società Italiana di Pediatria e
Responsabile U.O.C. Pediatria Generale e Malattie Infettive, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – IRCCS, Roma. «Le vaccinazioni sono particolarmente importanti nelle primissime fasi della vita al punto che, per proteggere il nascituro, oggi viene presa in considerazione la possibilità di vaccinare la donna in gravidanza, soprattutto per malattie, come l’influenza e la pertosse che nel bambino molto piccolo possono avere conseguenze serissime». Uno dei più recenti successi nel campo delle vaccinazioni è rappresentato dalla vaccinazione contro l’HPV, il papilloma virus responsabile di circa il 5% dei tumori nel mondo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *