NASCE MEET, CENTRO INTERNAZIONALE PER LA CULTURA DIGITALE

di Ugo Perugini

E’ stato presentato al Piccolo Teatro Studio Melato di via Rivoli il progetto realizzato grazie a Meet the Media Guru – un programma di incontri con i protagonisti internazionali della cultura digitale e dell’innovazione destinato al mondo professionale e al largo pubblico, nato nel 2005 su un’idea di Maria Grazia Mattei – e Fondazione Cariplo, impegnata da tempo in iniziative mirate allo sviluppo del territorio e al benessere delle persone.

Che cos’è Meet? E’ un’impresa sociale che ha lo scopo di combattere il digital divide, cioè il divario digitale che esiste tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell’informazione (in particolare personal computer e internet) e chi invece ne rimane  escluso, in modo parziale o totale.

Tale arretramento non viene visto solo in chiave tecnologica ma soprattutto culturale, perché legato a filo doppio con lo sviluppo dell’economia, delle possibilità dei cittadini e del loro benessere. Meet vuole presentarsi come un laboratorio di idee aperto ai più diversi contributi e troverà una sede nell’ex Spazio Oberdan che la Fondazione Cariplo ha acquistato. Si tratta di 1200 metri quadri a Porta Venezia.

spazio-oberdan-milano-musei-milano

Il significato positivo per la nostra città è stato sottolineato dal Sindaco Sala, in quanto Milano, con questa scelta, punta a rafforzare il ruolo internazionale che si è conquistata, ponendosi in prima linea nella diffusione del digitale, con riguardo alle giovani generazioni, ma anche nei confronti di tutti coloro vogliono partecipare direttamente allo sviluppo e alla trasformazione che il digitale sta portando ovunque nel mondo.

L’iniziativa si pone obiettivi prestigiosi, anche perché può fin da subito contare su una schiera di personalità di livello internazionale, oltre un centinaio, che hanno accolto e sostenuto positivamente il progetto. Da segnalare i diversi partner internazionali sui quali può fare affidamento a partire dal George Brown College di Toronto e dal suo istituto.

Qualche accenno ai contenuti che si svilupperanno attraverso quattro linee di intervento:

– la content zone, cioè un laboratorio attivo in grado di sperimentare nuovi linguaggi, prodotti e servizi multimediali;

– la research and innovation zone per mettere in comune le principali scoperte che la ricerca nel settore elaborerà per valutarne la traducibilità in una cultura digitale a favore della comunità;

-l’education zone, in grado di coinvolgere esperienze e conoscenze da trasmettere e diffondere nel Paese;

-la showcase zone, per sviluppare attraverso mostre, conferenze, incontri ecc. la cultura del digitale nel Paese, favorendo la partecipazione del pubblico.

Molte le iniziative e gli appuntamenti che riguardano temi di estrema attualità come l’intelligenza artificiale, la blockchain, l’health innovation e che coinvolgeranno anche altre istituzioni milanesi.

Vedasi filmato

Per seguire da vicino tutti gli eventi: meetthemediaguru

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *