Potenziare il trasporto pubblico urbano ed extraurbano

di up

Sono più di 13 milioni i pendolari in Italia e sono andati aumentando dal 2001 al 2007, soprattutto a causa della cosiddetta “diffusione abitativa”, cioè del fatto che molti hanno acquistato casa fuori dalle città ed è andata diminuendo la concentrazione urbana.

Secondo alcune ricerche, i pendolari italiani impiegano una media di 72 minuti per gli spostamenti giornalieri (quasi un’ora e un quarto) che calcolate in un anno sono pari a ben 33 giorni di lavoro (più di un mese e mezzo).

Questo naturalmente se le cose vanno bene. Ma se vi sono scioperi, difficoltà meteorologiche e ritardi endemici della rete del trasporto pubblico locale, le cose si fanno davvero drammatiche.

Ora sembra che Milano voglia puntare sul sostegno alle linee extraurbane mettendoci in proprio (visto che la Regione non dispone di risorse sufficienti) 1 milione e 600 mila euro. Lo ha detto l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli alla Prima conferenza locale del trasporto pubblico. Una struttura che vigilerà sulla programmazione dei servizi di trasporto locale per la città Metropolitana di Milano, fino a Monza, Brianza, Lodi, Pavia.

L’idea è quella di potenziare la mobilità urbana ed extraurbana spostandola dalle autovetture private verso mezzi più sostenibili, compreso il sistema delle vetture sharing. Il programma prevede la realizzazione di infrastrutture come i prolungamenti della M1 a Sesto, della M5 a Monza, le metrotramvie Milano-Limbiate e Milano-Seregno. Inoltre, sono previste altri collegamenti da Cologno Monzese a Vimercate, da M3 San Donato a Paullo e i prolungamenti della M4 a Buccinasco-Corsico e della M5 a Settimo Milanese.

Verrà anche modificato il SITAM, cioè il Sistema tariffario integrato trasporti milanesi, per favorire spostamenti realmente continuativi e semplici da e per Milano. Il Governo di Roma ha stanziato per il trasporto pubblico 143 milioni di euro di cui 25 andranno alla Regione Lombardia. L’auspicio è che i cittadini e i pendolari in particolare possano usufruirne con servizi più rapidi, tempestivi, di qualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *