MILANO: CITTA’ CREATIVA UNESCO PER LA LETTERATURA

di G.P.

In seguito alla candidatura avanzata dal Comune lo scorso giugno, Milano è stata ufficialmente accettata come “Città Creativa Unesco per la Letteratura”. Si tratta di un riconoscimento molto importante, attribuito per la prima volta ad una città italiana, e che riconferma Milano come capitale dell’editoria e del libro in Italia.

Manifestazioni e grandi eventi legati al mondo della letteratura quali “BookCity Milano“, il “Patto di Milano per la Lettura“, la nuovissima fiera “Tempo di Libri“, insieme ad un Sistema Bibliotecario sempre più efficiente e capillare sul territorio, e con un numero di utenti in costante crescita negli ultimi anni, sono la testimonianza diretta dell’impegno e dell’interesse che il capoluogo lombardo ha da sempre nel promuovere la lettura.

Milano è una tra le 64 nuove città ad essere inserite nella rete Unesco per le “Città Creative”, creata nel 2004, e che arriva ora a contare un totale di 180 località, distribuite in 72 nazioni diverse. Per quanto concerne l’ambito della letteratura, insieme alla nostra città, sono state aggiunte anche: Bucheon in Corea del Sud, Durban in Sudafrica, Lillehammer in Norvegia, Manchester nel Regno Unito, Québec  City in Canada, Seattle negli Stati Uniti d’America, e Utrecht in Olanda. Altre città italiane insignite del prestigioso riconoscimento sono: Alba, città creativa Unesco per la gastronomia; Pesaro, città creativa per la musica; e Carrara, città creativa per l’artigianato, che vanno ad aggiungersi alle già presenti Roma, città creativa per il cinema, Fabriano per l’artigianato, Bologna per la musica, Parma per la gastronomia e Torino per il design.

Grazie all’inserimento nella rete Unesco per le città creative, Milano si impegna a condividere le buone pratiche  e le iniziative realizzate finora che l’hanno resa meritevole del titolo, sviluppando partnership con le altre località del network, al fine di promuovere la creatività, la partecipazione e l’integrazione della cultura nel piano di sviluppo urbano, per rendere la nostra città ancora più internazionale e all’avanguardia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *