CRESCONO DI NUMERO I TURISTI A MILANO

di Carlo Radollovich

Con la fine di settembre, si riteneva che il turismo in generale e le visite di stranieri interessati alle bellezze della nostra città fossero sul punto di essere archiviate quasi definitivamente. E invece no: il sole di un ottobre splendido (seppure “condito” da imperdonabili nuvole di smog) ha fatto proseguire un’ondata di arrivi che ha superato le previsioni più rosee.

La Galleria si è “rivestita” di numerosi occhi a mandorla anche in questi giorni, capitanate da guide esperte all’ombra delle loro bandierine per essere riconosciute. E che dire dei pullman che girano in Centro completamente scoperchiati, mettendo in mostra persone che ancora indossano una semplice maglietta ? Insomma, ad ogni angolo di strada, da via Manzoni a corso Garibaldi, da piazza del Duomo a corso di Porta Romana, si rivive un clima quasi estivo, in un continuo incrociarsi di lingue e di dialetti diversi.

Per la verità, va osservato che già durante il mese di agosto si registrava un afflusso di turisti superiore del 15% circa rispetto allo stesso periodo del 2016.

Ora, si impostano progetti anche per il futuro e si è alla ricerca di “molle” ancora più scattanti in tema di turismo, affinché Milano e la nostra Regione, ingranando qualche marcia organizzativa in più, possano risultare decisamente più attrattive. Quali potrebbero essere, tra l’altro, le misure più efficaci per promuovere al di fuori dei nostri confini le immagini più spettacolari di Milano e della Lombardia in generale? Ad esempio, far circolare specifici videofilmati  su piattaforme di sicura risonanza internazionale oppure inserire indovinate promozioni attraverso i social più conosciuti. Ma anche le impostazioni di azzeccate campagne web non sono da sottovalutare, così come la reclamizzazione di rappresentazioni storiche in costume potrebbe risvegliare l’interesse di aficionados anche al di là dell’Atlantico.

Insomma, il turismo meneghino possiede i mezzi per diventare una delle più robuste e importanti aziende nazionali. Si pensi soltanto che l’arrivo di turisti (circa quaranta milioni di persone in un solo anno) consente al settore alberghiero di incassare, all’anno, la consistente cifra di circa due miliardi di euro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *