ECCELLENZE ITALIANE: L’ARTISTICA STATUA DI SAN MICHELE

di Carlo Radollovich

Ci troviamo a Cavaglià, una graziosa e caratteristica località posta a circa 25 chilometri da Biella e a 50 da Torino.

Qui, un attivo gruppo di cittadini aveva avanzato la possibilità di realizzare una statua di pregio dedicata a San Michele, opera che avrebbe conferito prestigio non soltanto alla chiesa parrocchiale (vedi foto), ma anche allo stesso Comune.

IMG_3014Ebbene, dopo un’attesa relativamente breve, circa due anni, ecco realizzarsi un sogno tra lo stupore della gente nella giornata di sabato 30 settembre: San Michele si presenta in tutta la sua artistica bellezza, con il braccio destro alzato e armato di spada, pronto a sconfiggere tutte le forze del male, ossia i demoni.

Il parroco, don Adriano Bregolin, ha benedetto questa suggestiva opera prodotta da una qualificata ditta altoatesina, la Ferdinand Stuflesser di Ortisei, che dal 1875 realizza opere lignee a soggetto prevalentemente religioso. Ma questa statua nasconde pure un eccezionale movimento meccanico, inserito dalla ditta C.F.R. di Raviglione E. & G., ubicata a Zimone (Biella), movimento che riesce addirittura ad animarla stupendamente.

Alla presenza di autorità religiose e civili, è stato proiettato il significativo cortometraggio “San Michele Arcangelo nella storia di Cavaglià”, accolto da autentico compiacimento da parte di tutto il pubblico. Particolarmente notata tra i presenti la Liuni SpA,  nella persona del titolare Dottor Agostino Liuni, accompagnato dalla moglie Adriana, e dai figli Gian Mario e Roberto. Si tratta della notissima azienda milanese che da anni si occupa attivamente di pavimenti vinilici, moquettes, rivestimenti murali e altro ancora.

liuni
Il Signor Agostino Liuni ritira una copia della statua di San Michele

Poco dopo, si è voluto suggellare questi particolari momenti, ricchi di emozione sincera, consegnando a benefattori e autorità un modellino della statua, unitamente ad una pergamena ricordo.

La serata, la cui importanza è stata sottolineata da giornalisti e fotografi, si è conclusa con un raffinato brindisi, i cui vini pregiati sono stati gentilmente offerti dall’azienda vitivinicola Rolej, di proprietà della Signora Adriana Vallotto. Sono state apprezzate qualità assai delicate, ottimamente degustate per il particolare retrogusto, qualità che soltanto una Casa di raffinata esperienza è in grado di porgere a validi intenditori.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *