CORDOGLIO PER LA MORTE DEL CARDINALE DIONIGI TETTAMANZI

di Antonio Barbalinardo

Già da diversi giorni alcuni media avevano comunicato l’aggravamento dello stato di salute dell’emerito Cardinale Dionigi Tettamanzi che da quando si era dimesso da Arcivescovo della Diocesi viveva presso la Casa di spiritualità della villa Sacro Cuore di Triuggio. Nella mattinata di venerdì 4 giugno scorso anche il Cardinale Angelo Scola e il neo nominato Arcivescovo della Diocesi Ambrosiana Monsignor Mario Delpini avevano espresso parole sull’aggravarsi della sofferenza dell’emerito confratello Tettamanzi invitando tutti i fedeli e pregare per lui.

Ieri, sabato 5 agosto, l’emerito Arcivescovo Dionigi Tettamanzi, è così venuto a mancare ed è ritornato alla “Casa di Dio Padre celeste”.  Per la sua modestia, per la sua bontà e anche per il suo fisico, sin dall’inizio del suo mandato di Arcivescovo della Diocesi Ambrosiana, divenne per i fedeli e molti confratelli “Il Cardinale buono“, quasi come il “Papa buono” qual è stato Papa Giovanni XXIII.

Appena si è diffusa la notizia della morte dell’emerito Arcivescovo, è subito arrivato presso la sede Arcivescovile di Milano, considerata una tra le più grandi diocesi del mondo, il telegramma di Papa Francesco nel ricordo del confratello Dionigi Tettamanzi che aveva incontrato nella mattinata di sabato 25 marzo 2017, in forma privata, presso la sacrestia del Duomo, durante l’incontro con il mondo del clero.

Sua Eminenza Dionigi Cardinale Tettamanzi, è nato a Renate il 14 marzo 1934, fu ordinato presbitero il 28 giugno 1957 a Milano, eletto Arcivescovo di Ancona-Osimo l’1 luglio 1989, dopo fu trasferito alla Diocesi di Genova, dove nel concistoro del 21 febbraio 1998 fu creato Cardinale. In seguito fu trasferito all’Arcidiocesi di Milano, dove s’insediò il 14 settembre 2002, vi restò quale Arcivescovo fino al 9 settembre 2011, dove gli successe il Cardinale Angelo Scola.

Il Cardinale Dionigi Tettamanzi aveva poco più di 83 anni, adesso tutto il popolo dei fedeli della Chiesa ambrosiana piange la morte dell’ex Arcivescovo, così come lo piangeranno i fedeli della Diocesi di Ancona-Osimo e i fedeli della Diocesi di Genova, nelle quali è stato Vescovo e Pastore. A tale riguardo mi fa piacere ricordare che durante l’estate 1989, nel periodo del mese di luglio ero in vacanza a Porto Recanati, un pomeriggio mentre ero a visitare il Santuario di Loreto, arrivò un gruppo di sacerdoti, incuriosito mi avvicinai, tra questi riconobbi Monsignor Tettamanzi, allora lo chiamai e lo salutai, e gli ricordai d’averlo incontrato circa un mese prima a Milano presso l’Istituto Palazzolo dove era venuto a trovare alcuni suoi confratelli prima di trasferirsi alla Diocesi di Ancona-Osimo.

 Il Cardinale D. Tettamanzi presso l'Istituto Palazzolo, dicembre 2005
Il Cardinale D. Tettamanzi presso l’Istituto Palazzolo, dicembre 2005

Sua Eminenza il Cardinale Dionigi Tettamanzi è venuto spesso nel nostro territorio del Decanato Cagnola, così come è venuto molte volte presso l’Istituto Luigi Palazzolo, in particolare veniva l’ultima domenica d’avvento prima del Santo Natale, per concelebrava la Santa Messa presso la cappellania dell’istituto dove incontrava gli anziani ospiti, i volontari, il personale tutto e i familiari degli ospiti.

 Il cardinale in un'altra visita all'Istuituto Palazzolo, dicembre 2007
Il cardinale in un’altra visita all’Istuituto Palazzolo, dicembre 2007

Nel corso del suo mandato quale Arcivescovo della Diocesi, ha continuato a favorire l’incontro con i politici e con coloro che si avviavano alla partecipazione per formazione della scuola socio-politica, iniziato già dal Cardinale Carlo Maria Martini e proseguito dopo da lui; ricordo che in uno dei suoi ultimi incontri nell’ambito politico,  allora s’era venuta a creare poca credibilità nella stessa politica, sua Eminenza nel suo intervento e monito, coniò il termine: “sobrietà nella politica”.

Nella-concelebrazione-per-i-funerali-del-Card.-C.-M.-Martini-3-sett.-2012
Nella concelebrazione per i funerali del Cardinale C.M. Martini, 3 settembre 2012

Oggi tutti ricordano l’ex Arcivescovo Dionigi Tettamanzi e pure la Redazione de ilMirino lo vuole ricordare per la sua guida pastorale e il suo insegnamento.

Il funerale di sua Eminenza il Cardinale Dionigi Tettamanzi si svolgerà martedì 8 agosto presso il Duomo di Milano e sarà concelebrato dal cardinale Angelo Scola e da monsignor Mario Delpini.

La salma del cardinale Tettamanzi sarà tumulata in Duomo, vicino all’urna del beato cardinale Idelfonso Schuster.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *