“EKIRUN”: UNA MARATONA-STAFFETTA AL PARCO SEMPIONE

di G.P.

Domenica 2 luglio torna per la sua terza edizione, “Ekirun“, la maratona a staffetta alla giapponese articolata in un percorso ad anello lungo 42 chilometri attorno al Parco Sempione e suddiviso in sei frazioni.

Il nome “Ekirun” è un portmanteau dell’inglese run ovvero corsa e del giapponese ekiden, una specialità di corsa a staffetta su strada basata sulle lunghe distanze. L’ekiden nacque nella terra del Sol Levante nel 1917 quando – per celebrare lo spostamento della capitale da Kyoto a Tokyo – fu organizzata una maratona a staffetta articolata in tre giornate che copriva la distanza tra la due città in un percorso complessivo di 508 chilometri. Il termine ekiden è costituito da due kanji che significano rispettivamente: stazione e trasmettere.

L’edizione di quest’anno di “Ekirun” si articola in 6 frazioni, tre lunghe e tre corte, alternate le une alle altre: si parte con 5 km, poi 10 km, poi di nuovo 5 km, e 10 km, ancora 5 km e infine 7,195 km. La lunghezza totale del tracciato è quella di una maratona, vale a dire: 42,195 chilometri.

La competizione 2017 di “Ekirun” è aperta sia agli atleti professionisti tesserati che ai semplici appassionati: per partecipare basta iscriversi alla staffetta entro giovedì 29 giugno – previo pagamento di una quota – con una squadra composta da 6 membri, interamente maschile, femminile o a composizione mista. Nella quota di partecipazione sono comprese: le 6 pettorine della gara per ciascun membro, il tasuki (la fascia di stoffa da indossare a tracolla che nelle gare di ekiden costituisce a tutti gli effetti il “testimone”), gadget ufficiali, prodotti offerti dagli sponsor e il sacchetto contenente il ristoro finale.

Si parte domenica 2 luglio alle 18.30 dall’Arena Civica “Gianni Brera”: poi il percorso si snoda verso l’Arco della Pace, la Triennale, e il Castello Sforzesco, fino all’arrivo, nuovamente sulla pista dell’Arena, dove ad attendere i corridori ci sarà un gruppo di suonatori di taiko, i tamburi tradizionali giapponesi, che con il battere e il rullare dei loro strumenti scandiranno i momenti clou della manifestazione.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa vi rimandiamo, come sempre, al regolamento presente sul sito ufficiale dell’evento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *