PIU’ CARE LE SOSTE IN CENTRO PER LE AUTO

di Carlo Radollovich

Non sono stati allestiti nuovi cartelli in centro per segnalare le spiacevoli novità per gli automobilisti. Si sono semplicemente applicati degli adesivi sugli stessi che avvisano gli utenti dei rincari da intendersi in vigore con effetto immediato. Nel centro storico, il costo passa da 2 a 3 euro l’ora, tariffa che viene elevata a 4.50 euro dopo le prime due ore.

Ma non è tutto. Anche nelle ore serali e notturne la spesa è cresciuta. Infatti, tra le 19 e le 24, si pagano 3 euro per le prime due ore.

Le prime strade centrali o piazze, interessate alle modifiche, sono le seguenti: via Fatebenefratelli, corso Venezia, piazza San Babila, via Verdi, via Larga, piazza Velasca, corso di Porta Romana, via Santa Sofia, via Molino delle Armi, via Cesare Correnti, piazzale Cadorna e Foro Buonaparte.

Più avanti, come sappiamo, sarà la cerchia dei Bastioni a subire un rincaro nelle spese di sosta e successivamente sarà la volta delle periferie.

E’ quasi inutile elencare le vibrate proteste degli artigiani, di coloro che sono impegnati in opere edili o in lavori che richiedono la costante presenza in centro di operai o di tecnici.

Come prevedibile, diversi furbetti, seguendo l’esempio del passato, vorranno lucrare sul tempo di permanenza sulle strisce blu compiendo “aggiustamenti” sui tagliandi gratta e sosta. Altri parcheggeranno sulle gialle, destinate esclusivamente ai residenti, confidando che i vigili o gli ausiliari competenti possano usare clemenza o addirittura non facciano in tempo ad eseguire controlli, considerata la mole di lavoro in cui saranno coinvolti ogni giorno.

Rimane da prendere in considerazione, per gli automobilisti stessi, la sosta negli autosilo. Qui, per un posto auto, si pagano 3,25 euro ogni ora e forse, a conti fatti, converrebbe maggiormente sostare nella quarantina di autorimesse presenti in centro.

Ovviamente, il disagio si ripercuote in gran parte sui lavoratori. Chi invece vorrà recarsi in centro solo per…operazioni di shopping, prenderà in considerazione l’alternativa di lasciare la macchina nel proprio box per servirsi finalmente dei mezzi pubblici.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *