Se non hai il pollice verde, c’è DI MAURO snc, il verde su misura

di Ugo Perugini/

Per fortuna, in Italia si sta sempre più sviluppando un interesse verso il verde, inteso come protezione e recupero degli spazi naturali, siano essi parchi o giardini.

E’ ormai da qualche anno che è emersa una nuova diffusa coscienza ecologica, ambientale, sociale e urbanistica. Si è capito che un parco pubblico, ma anche il piccolo giardino di una abitazione o, addirittura, un terrazzo, sono spazi importanti nei quali le persone possono ritrovare un contatto con la natura, rilassandosi e uscendo dallo stress che le città spesso procurano.

L’architetto Stefano Boeri, ad esempio, è convinto che la gente abbia bisogno sempre di più di edifici che “abbiano la natura in sé”. Le sue ultime realizzazioni rispondono proprio a questa esigenza.

94

Ma anche senza scomodare le grandi “archistar”, tutti siamo ormai d’accordo su questi concetti di base. Un’altra considerazione che oggi non sfugge più alla gente comune è che il verde è comunque qualcosa di vivente, che va rispettato e che contribuisce anche a creare un microclima che favorisce l’attenuarsi di squilibri ambientali che in città spesso si verificano.

Ma il verde è delicato, va curato con attenzione, pazienza e soprattutto molta professionalità. Sono molte le aziende che operano nel settore, ma poche possono vantare una tradizione famigliare così profonda come la Di Mauro snc.

Infatti, l’azienda nasce dalla passione che il padre Francesco ha trasmesso al figlio Michele, il quale, a sua volta, ha saputo comunicarla alle figlie Maria e Lilly, con un bagaglio di esperienze ma anche con tanta passione, coraggio, dedizione ed entusiasmo.

Tutte sensazioni che si respirano all’interno di questa realtà lavorativa che ha saputo coinvolgere anche un team di dipendenti che sanno esprimere tutta la loro competenza e professionalità nell’ambito del giardinaggio.

Desideriamo qui sottolineare che chi progetta o propone dei rifacimenti o delle manutenzioni di giardini e terrazzi è un tecnico ma anche, e forse soprattutto, un artista. Deve conoscere a fondo il mondo vegetale, gli aspetti biologici delle varie specie di flora con cui lavora ma anche avere la sensibilità e il gusto per la bellezza allo scopo di valorizzare gli aspetti decorativi e ornamentali, oltre che scenografici, del suo lavoro. Compito, come si vede, davvero molto delicato.

13

Ora vorremmo sottoporre a Maria Di Mauro, figlia di Michele, alcune domande per conoscere meglio la sua attività.

In che cosa consiste esattamente il vostro lavoro?

Il nostro lavoro consiste nella gestione a 360 gradi del verde, ci occupiamo della sua manutenzione, della realizzazione, delle potature ad alto fusto anche in tree climbing (NdR. Il tree climbing è una tecnica di arrampicata sugli alberi utilizzata per eseguire interventi di potatura, con il vantaggio che l’operatore per mezzo di imbragature, corde e seghetti telescopici, può raggiungere qualsiasi punto della pianta senza l’utilizzo di piattaforme meccaniche), abbattimenti  della gestione degli impianti irrigui, abbellimenti, semine, rifacimenti, ecc.

Chi si rivolge a voi in particolare? Più operatori professionali o privati?

A noi si rivolgono in modo particolare gli Amministratori e i condomini ma naturalmente anche i privati e i singoli.

Quali sono gli strumenti tecnici e le macchine che voi utilizzate più di frequente?

Le macchine più utilizzate sono i decespugliatori tosasiepi, rasaerba specializzati nel raccogliere direttamente lo sfalcio, trattori, cippatori  che usiamo per tritare i rami nelle potature, rasaerba per la tecnica mulching, usata qualche volta nelle  grandi aree prive di impianto irriguo, grazie alla quale è possibile sfalciare l’erba in piccolissimi pezzi che invece di essere raccolti e rimossi vengono rilasciati sul prato dove si decompongono rapidamente, formando una ricca concimazione naturale. Utilizziamo, inoltre, seminatrici, soffioni, strumenti per soffiare e raccogliere foglie secche e umide per favorire la pulizia del prato, scarificatori che rimuovono i fili d’erba con radici deboli per rinforzarne la crescita, ecc. Tengo a sottolineare che una delle più importanti voci di investimento per la nostra azienda sono proprio i macchinari, sempre aggiornati e di ultima generazione, che ci permettono di lavorare bene, ridurre i tempi ed essere più competitivi per i nostri clienti.

IMG-20150506-WA0018

Quali sono i problemi principali che vi trovate ad affrontare nel progettare un giardino? I momenti più difficili e quelli più piacevoli?

I momenti più difficili nel progettare un giardino li incontriamo quando non c’è una precisa indicazione da parte dei condomini. Ognuno dice la sua e bisogna cercare di accontentare tutti nel miglior modo possibile. Al contrario, ovviamente, i momenti  più piacevoli si hanno quando le persone ci danno piena fiducia, lasciandoci  liberi di realizzare il progetto più adeguato in modo da riuscire a portare a casa un buon risultato, soddisfacendo in pieno le aspettative del cliente.

Il committente vi dà delle indicazioni precise o avete ampia autonomia decisionale?

Come dicevo, non sempre abbiamo piena autonomia.  Ciò dipende da tanti fattori tra i quali i più importanti sono il gusto estetico del cliente e il budget di spesa disponibile.

Voi lavorate anche su spazi verdi pubblici?

Sul verde pubblico siamo certificati ma attualmente non operiamo.

Secondo voi qual è l’aspetto più importante da tutelare nel rapporto con i clienti?

Il rapporto col cliente è importante. Noi ci basiamo sul rispetto reciproco, la professionalità, la collaborazione a 360 gradi.

Che importanza ha l’irrigazione e come viene studiato un intervento di questo tipo su giardini o parchi?

L’irrigazione viene suddivisa in zone in base alla grandezza da coprire: il segreto per avere un bel verde è programmarla sempre alla stessa ora e gestire i tempi in base alle temperature. Stessa cosa vale per le siepi e i cespugli che se vengono bagnati dal tubo goccia crescono bene e costanti.

IMG-20150507-WA0005

Lei consiglierebbe questa attività ai più giovani?

L’attività del giardinaggio la consiglio ai giovani. Eccome se la consiglio! Il verde apre le porte a tante esperienze nuove. Si è a contatto diretto con la natura e si torna a casa soddisfatti anche se certe volte un po’ stanchi. Quando un ragazzo pota un albero ad alto fusto, utilizzando la tecnica del tree climbing, cioè l’arrampicata sull’albero,  fa un lavoro davvero  spettacolare e nello stesso tempo. divertente.

Come avrete capito, Maria è entusiasta del suo lavoro e orgogliosa dell’azienda famigliare nella quale opera che, ci tiene a sottolinearlo, è certificata col sistema di qualità UNI ISO 9000 2008. Il che significa che dispone dei requisiti di organizzazione, gestione della qualità, che garantiscono processi aziendali in  grado di migliorare l’efficacia e l’efficienza dell’erogazione dei servizi, allo scopo di soddisfare il cliente finale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *