“DI CASA IN CASA”, PER SCOPRIRE IL FASCINO DELLE CASE MUSEO DI MILANO

di G.P.

Il Comune – in collaborazione con la Fondazione Adolfo Pini e grazie al contributo del bando “Cultura e Aree Urbane” della Fondazione Cariplo – ha lanciato il progetto “Di Casa in Casa“, un programma di itinerari artistici e architettonici per far conoscere e valorizzare il patrimonio culturale della città, anche quello più nascosto e sconosciuto ai più.

L’iniziativa coinvolge il circuito delle case museo di Milano, che comprende Villa Necchi Campiglio, Casa Boschi di Stefano, Museo Bagatti Valsecchi e Museo Poldi Pezzoli, e propone numerosi percorsi tematici che si snodano tra le vie del centro della città.

Ognuna delle quattro case museo coinvolte nel progetto è luogo di grande fascino storico, e in esse è possibile ammirare collezioni di opere d’arte, sculture, oggetti di design e manufatti preziosi provenienti da diversi periodi. Villa Necchi Campiglio, per esempio, è un gioiello architettonico immerso in un ampio parco privato con piscina e campi da tennis, che – pur essendo stata costruita nel 1935 – propone elementi strutturali e d’arredo tipici del Settecento, in particolare risalenti allo stile Luigi XV, così come li volle l’architetto Tomaso Buzzi che si occupò di restaurare la villa nel dopoguerra. Casa Boschi di Stefano, invece, è una straordinaria testimonianza dello stile dei primi decenni del Novecento, mentre i Musei Bagatti Valsecchi e Poldi Pezzoli risalgono a fine Ottocento.

Gli itinerari artistici proposti da “Di Casa in Casa” sono 13, della durata media di due ore e mezza ciascuno per circa 2-3 chilometri: tra questi ricordiamo “Dimore e Giardini” dedicato al cuore verde di Milano; “Tra Manzoni e Verdi”, un percorso che mescola letteratura e musica; “Design nella Milano del Novecento” per gli appassionati dello stile milanese; “Palazzi di Corso Venezia”, un tour nell’architettura urbana dal ‘400 al ‘900 e, per i più piccoli, “Imparare con i bambini” e “Passeggiare con i bimbi”.

Acquistando la CasaMuseoCard a 20 euro (prezzo ridotto a 10 euro per i minori 12 anni, gli over 60, i visitatori disabili, i dipendenti del Comune, della Provincia, della Regione Lombardia, i Soci FAI, gli Amici del Museo Poldi Pezzoli e gli Amici del Museo Bagatti Valsecchi), si ha diritto a visitare ognuna delle quattro dimore storiche entro un anno dall’acquisto della card. Per maggiori informazioni su percorsi e prezzi, come sempre, vi rimandiamo al sito ufficiale dell’iniziativa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *