IL TUNNEL GATTAMELATA

di Carlo Radollovich

I lavori relativi alla galleria Gattamelata sono terminati da più di un anno e già in fase di consegna dell’opera si poteva ipotizzare il suo discutibile significato a livello urbano.

In effetti il tunnel, progettato dalla giunta Formentini e poi concretizzato dal sindaco Albertini, prendeva il via quando ancora non si sapeva che la Fiera di Milano si sarebbe trasferita a Rho-Pero.

Va pure aggiunto che, quando sembrava che lo stadio della squadra calcistica del Milan potesse sorgere al Portello, si era pensato di utilizzare la galleria per smaltire l’arrivo dei numerosi tifosi rossoneri. Ma non se ne fece nulla: l’ipotesi stadio svanì tra lo sconcerto di molti aficionados.

Ora, dopo diciassette anni di lungaggini, ritardi e proteste varie, il tunnel Gattamelata, originariamente ideato anche per un’opportuna riqualificazione del quartiere Portello, è stato inaugurato nella giornata di ieri. La sua lunghezza è di circa mille metri e congiunge via Alcide de Gasperi con le vie Gattamelata / Teodorico ed è ad una sola corsia di marcia.

L’uscita della galleria avviene in una rotonda, tra il palazzo appartenente a Casa Milan e il concessionario Citroën. Proprio qui, sempre nella giornata di ieri, è nata una contestazione da parte di alcune decine di genitori, i quali manifestavano viva preoccupazione per la vicinanza del tunnel alla scuola Pietro Micca, poco distante.

Ma anche alcune associazioni, tra cui “Genitori antismog” e “Fiab-Ciclobby”, erano presenti in loco per sottolineare che all’uscita del tunnel stesso si evidenzierebbe grande consistenza di diversi residui di combustione, residui che senz’altro nuocerebbero ai piccoli.

Le emissioni tossiche potrebbero addirittura aumentare durante le ore di punta, a tutto svantaggio degli alunni. Si consideri che si prevede un flusso di macchine pari a 1100 unità all’ora.

Siamo ancora (!) in fase di sperimentazione circa l’esercizio del tunnel e ci auguriamo che vengano adottate tutte quelle misure di sicurezza che non soltanto possano garantirci un ottimale transito dei veicoli, ma si auspica che vengano pure inserite in galleria speciali apparecchiature ecologiche per difendere la salute di tutti i cittadini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *