A PAVIA RIVIVRA’ IL VECCHIO IDROSCALO

di Carlo Radollovich

L’immagine del vecchio Idroscalo, con tutti i suoi ricordi affacciati sul fiume Ticino, riapparirà completamente nuova nel 2018, come si prevede, grazie alla concretizzazione di un modernissimo ed elegante progetto.

Sono trascorsi più di novanta anni da quando l’inaugurazione di uno scalo per idrovolanti creava con suggestione un’autentica e impensabile novità per quei tempi (tre ore per raggiungere Trieste da Torino), ove l’aereo iniziava a rappresentare non soltanto un celere mezzo di comunicazione, ma anche un’icona tutta da scoprire e da sviluppare. Proprio qui, gli aerei muniti di speciali pattini per poter ammarare e decollare dall’acqua, erano impegnati sulla tratta Torino-Mantova-Venezia-Trieste. Sul fiume potevano rifornirsi di carburante per poi spiccare nuovamente il volo.

Vi aveva lavorato, per l’allestimento dei capannoni destinati all’Aereoscalo,  l’architetto Giuseppe Pagano Pogatschnig (1896-1945), realizzatore del ponte Balbis sul Po, a Torino, ma noto soprattutto per i disegni che costituirono la base per la costruzione dell’Università Bocconi.

L’Idroscalo pavese rimase in funzione sino al 1942 e, poco dopo, iniziò il suo triste declino. Alla fine del secondo conflitto mondiale venne rilevato da un privato, per poi essere destinato al rimessaggio di diverse barche. Svanito anche questo compito, l’Idroscalo cominciò… a perdere i pezzi, tanto che il Comune di Pavia, nel 2014, impose ai proprietari, anche per garantire la sicurezza del luogo, di effettuare gli indispensabili lavori di manutenzione. Ed ecco finalmente la svolta: grazie ad un investimento che sfiorerà i cinque milioni di euro, un noto architetto pavese ha messo a punto le opere che finalmente riqualificheranno l’Idroscalo. Pertanto, il sogno degli abitanti di Pavia si realizzerà entro tempi relativamente brevi e già si ipotizza di farvi ritornare, in pieno rispolvero, i moderni idrovolanti. E prenderà pure corpo un significativo “contorno” poiché l’Idroscalo abbraccerà anche uno spazio espositivo e l’intera struttura, completamente riadattata, sarà in grado di offrire in loco un interessante percorso turistico-culturale. Insomma, la realizzazione aggiuntiva di un ampio spazio a favore dei turisti e non solo, farà dell’Idroscalo pavese un indiscutibile e seducente polo d’attrazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *