RIAPRE IL TEATRO GEROLAMO

di Carlo Radollovich

I vecchi milanesi, ma non soltanto loro, gioiscono al pensiero che il piccolo teatro delle marionette, l’indimenticato “Gerolamo”, riaprirà i battenti mercoledì 9 novembre con un concerto eseguito dall’orchestra Verdi.

Dopo ben trentatre anni di chiusura, “la Scala in miniatura”, 209 posti, rivede finalmente la luce. Era stata chiusa nel 1983 perché necessitava di una radicale ristrutturazione, dell’apertura delle necessarie uscite di sicurezza, degli ascensori, di un servizio di ristorazione e ovviamente dell’intero arredo. Questo non apparirà rosso, come nella maggior parte dei teatri, ma completamente verde.

Insomma, dopo momenti di penoso scoramento (si parlava addirittura di tramutare il teatro in una sala di divertimento), ecco ora archiviate completamente grandi o piccole tristezze. Certo, ciò non ci impedisce di viaggiare a ritroso nel tempo ripensando alle divertenti serate che ebbero luogo qui, ravvivate (tra numerosi interpreti) anche da Paolo Poli, Laura Betti, Dario Fo, Franca Rame, Ornella Vanoni, senza dimenticare le recite di Tino Carraro e di Anna Nogara in “Milanin Milanon”.

E che dire degli spettacoli successivi (anni Settanta) con la presenza di Umberto Simonetta e poi della decennale stagione di Piero Mazzarella ? Sono emozioni che, seppure con altri interpreti, faranno nuovamente palpitare il cuore degli spettatori.

A questo proposito ci auguriamo sinceramente che, ripescando molte tracce tra i vecchi testi in milanese di Edoardo Ferravilla e di Emilio De Marchi, si possano pure presentare commedie recitate in vernacolo.

Il tipico loggione a ferro di cavallo e il triplo ordine di palchi del “Gerolamo” erano stati progettati da Giuseppe Mengoni, l’architetto della Galleria Vittorio Emanuele, ma in realtà fu l’ingegnere Paolo Ambrosini, con i suoi disegni, a tracciarne l’esatto profilo. La costruzione del Teatro Gerolamo risale al 1868 e, per la prima volta in Europa, la struttura venne realizzata esclusivamente per la rappresentazione di spettacoli con marionette. Dapprima furono gestiti dalla compagnia di Giuseppe Fiando, per poi passare alla ben nota famiglia Colla, la quale da circa trecento anni è attiva in ambito teatrale.

E, tra pochi giorni, un fiore all’occhiello della cultura milanese, per l’appunto il Teatro Gerolamo, tornerà con orgoglio a rimettersi in mostra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *