Addio a “El Milieto”

di Paolo Tempo

Domenica 16 ottobre ci ha lasciato il caro Emilio Prata, cantastorie di Quarto Oggiaro.

Il “Gigante buono”, uno degli ultimi cantastorie di Milano, per anni e anni ha dedicato il suo ruolo di menestrello, recitava e cantava le poesie e canzoni composte da lui stesso, agli anziani, e non solo. Anziani ospiti nelle case di riposo, disabili mentali che gradivano e apprezzavano la presenza di “El Milieto”, questo era il suo nome d’arte.

Aveva la capacità di far dimenticare, con la sua inseparabile chitarra, per un paio d’ore, a queste persone, le loro sofferenze, sia patologiche, sia di solitudine.

Quanti grazie e complimenti riceveva dal suo amato “pubblico”.

Grazie ai suoi modi semplici e umili, ma caratterizzati da una notevole nobiltà d’animo, aveva la capacità di entrare in armonia con tutti.

Quando viene a mancare un uomo pieno di gioia di vivere, leale, sensibile, solare, altruista, di grande umanità, di alti valori etici, si è tutti un po’ più vuoti.

La sua silenziosa e religiosa bontà non passava inosservata.

Marito e padre esemplare, attaccatissimo alla famiglia, il suo tesoro più prezioso diceva.

Il ricordo di chi ha avuto la fortuna di conoscerlo va al suo costante rifuggire dagli esibizionismi, alla sua coerenza morale.

Emilio ha il diritto a non essere dimenticato, così come chi l’ha conosciuto ha il dovere di ricordarlo. Ora aiutiamo, con la preghiera, l’anima di Emilio affinché possa serenamente raggiungere la Casa del Padre.

I volontari tutti dell’Associazione Amici di don Palazzolo esprimono, alla sua adorata moglie Mirella e ai figli Luca e Leonardo e ai parenti tutti, con verità di cuore, le più sentite condoglianze.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *