MILANO: BUONA L’AFFLUENZA DI TURISTI STRANIERI IN AGOSTO

di Carlo Radollovich

I rilevamenti risultano ovviamente ancora provvisori, ma si osserva, oltre ad un significativo esodo estivo dei nostri concittadini, anche una nutrita presenza di visitatori stranieri.

I dati vengono confermati dagli arrivi registrati in questo mese negli aeroporti milanesi: è praticamente stabile il numero di passeggeri giunti a Linate, ma, in compenso, un soddisfacente incremento si è verificato a Malpensa rispetto al 2015 (+4% circa).

Da dove sono arrivati i turisti? Da diversi Paesi europei, ma anche da altre nazioni: meno russi, però, in compenso, più cinesi e indiani, con notevoli punte di persone arabe. È stato preso di mira il nostro Duomo con circa diecimila paganti e anche i musei, seppure non consistentemente frequentati come in occasione di Expo, sono stati al centro dell’attenzione con un +20% circa rispetto al 2014.

Va poi menzionata l’ottimale affluenza (bene per bar e ristoranti) presso la Darsena, la Galleria (da poco completamente restaurata e spesso oggetto di vivi complimenti) e la modernissima piazza Gae Aulenti.

Un’unica nota stonata in questo quadro di vacanze: le periferie milanesi sono apparse ancora una volta “accantonate” sotto il profilo turistico. Al di là dei numerosi negozi chiusi, sono venuti a mancare quei tipici segnali (eventi vari, sagre, feste di quartiere e pure trasporti pubblici con orari un po’ troppo ridotti), che avrebbero favorito un valido afflusso di persone. Insomma, le presenze sono state deludenti e comunque non tali come si auspicava.

E così, molti milanesi e turisti si sono rivolti alle numerose attrazioni del centro cittadino, relegando in tal modo le periferie ad un ruolo quasi insignificante. Un vero peccato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *