LA “BIBBIA” DI GRABOVOI: UN MISTERO SCONVOLGENTE

di Remo Righi

E’ appena uscito in lingua italiana il primo libro di Grigori Grabovoi, edito dalla casa editrice L’Arcipelago. Basta il titolo a suscitare un certo turbamento: La resurrezione degli uomini e la vita eterna ora sono la nostra realtà!”. Questo lavoro risale al 2000/2001 ed è uscito la prima volta in Russia – visto che Grabovoi è originario di un piccolo paese in Kazakistan, dove è nato il 14 novembre del 1963 – riscontrando, a quanto si dice, un certo successo. Ad esso hanno fatto seguito numerosi altri lavori.

Le idee di Grabovoi avrebbero dato origine a una vera e propria religione che, in fin dei conti, era anche lo scopo principale del suo autore. Ma chi è Gregori Grabovoi? E’ uno scienziato, laureato in matematica, con specializzazione nel settore della meccanica, membro dell’Accademia Russa di scienze, che, grazie alle sue capacità di chiaroveggenza, avrebbe risolto numerosi problemi di tipo scientifico nell’ambito aereonautico e dell’informazione in cui ha operato.

La curiosità ci ha spinto a leggere questo libro e, lo confessiamo, molti dei concetti che il suo Autore illustra non li abbiamo compresi o ci hanno lasciato più che perplessi. Non vogliamo condizionare nessuno con il nostro scetticismo, ma è chiaro che un libro del genere va letto con estrema cautela, ammesso che si riesca ad arrivare alla fine.

I concetti in esso contenuti sono per lo meno sconvolgenti e il taglio pseudoscientifico e documentaristico con il quale vengono esposti, anziché creare distacco dalla materia, hanno l’effetto opposto di rendere l’opera angosciante e, per così dire, fortemente macabra. E’ proprio il primo capitolo, quello in cui si narrano alcuni episodi concreti di risuscitamento di esseri umani, che turba e disorienta più di tutti gli altri, a parte il fatto di credervi o meno.

Da parte nostra, tralasciamo di entrare nei dettagli, soffermandoci piuttosto sulle idee generali che stanno alla base di questa teoria e che, in qualche caso, sembra che si rifacciano al Vangelo. In realtà, anche dal punto di vista teologico, non ci pare che l’Autore sia riuscito a svolgere una analisi convincente, concentrandosi solo sulle proprie convinzioni, frutto di teorie spirituali assolutamente personali.

Gesù esorta continuamente a rinunciare a tutto per ottenere il Regno di Dio, dice Grabovoi, ma il Regno di Dio è dentro di noi, è uno stato di coscienza più elevato. Chi lo raggiungerà verrà liberato dal modello dello spazio tridimensionale e del tempo, riuscendo a compiere azioni che possono sembrare incredibili come quelle di parlare con i morti.

Bisogna dirlo, Grabovoi ha l’idea di essere in qualche modo un nuovo messia. Ci arriva attraverso i numeri che sono un altro aspetto caratterizzante delle sue teorie: è nato il 14/11/1963; se sommiamo tutte le cifre si arriva a 26; la somma di 2+6 è 8 che è una cifra particolare – la cifra di Gesù – perché se messa orizzontalmente è il simbolo dell’infinito, il collegamento tra ciò che è spirituale e ciò che è materiale, cioè l’atto della creazione.

Grabovoi arriva alla sua religione attraverso la scienza. Citiamo qualche passaggio dal suo libro. “La religione è la scienza della realtà”, dice Grabovoi. E poi: “La mia religione non ha un rapporto passivo con la vita, né tanto meno si rapporta al falso concetto secondo cui, durante la vita terrena bisognerebbe soltanto prepararsi a non si sa quale “vita reale” (si riferisce all’aldilà). Secondo lui, Gesù invitava a rifiutare non questa vita, ma la vita nello stato di coscienza comune, e a svegliarsi per cominciare a vivere in modo autentico in questo Mondo e in questo corpo fisico, a vivere qui e adesso.

Da questo concetto ne discende un altro: “Chi è seguace della mia religione – dice Grabovoi – deve sforzarsi di giungere alla vita eterna nel corpo fisico perché allora egli rispecchierà in sé l’essenza di Dio”. Ma lo scienziato russo afferma anche cose assolutamente condivisibili come il fatto che “nella società non ci deve essere posto per cose come le armi nucleari” e che “per ogni persona il primissimo compito è l’elevazione del proprio livello di stato di coscienza”.

Il passaggio agli stadi di coscienza sempre più alti è la strada verso Dio  – sostiene Grabovoi – Negli stadi di coscienza più alti, l’uomo scopre la realtà fondamentale di questo mondo, alla base della quale il Creatore mise le emozioni creative e prima di tutto la gioia, la luce e l’amore. L’affermazione che la sofferenza faccia parte inscindibile della nostra vita è assurda e sbagliata. Ma non bisogna cercare di capire queste cose per via della logica perché sono fuori dalla logica abituale.

Proprio le tecnologie irrazionali, come la chiaroveggenza, la materializzazione e il risuscitamento sono, secondo lui, teorie scientifiche. Per lo stato di coscienza superiore tutti questi fenomeni non sono irrazionali ma naturali. Tornando ai numeri, Grabovoi è convinto che ogni oggetto, ogni concetto, ogni aspetto della vita “possieda una struttura di vibrazione numerica”, che è l’insieme di tutte le sue caratteristiche.

Per guarire da qualsiasi malattia occorre conoscere e concentrarsi su una corretta sequenza di numeri, che è in grado di ristabilire lo stato normale dell’organismo. E Grabovoi , lo possiamo proprio dire, dà i numeri. Nel libro, infatti, c’è un capitolo dedicato alla cura delle malattie attraverso numerosissime sequenze numeriche. La cosa può lasciare sbalorditi ma nel nostro Paese c’è già chi su questo tema ha trovato il modo di creare corsi e seminari di approfondimento.

Ma come fare per sviluppare il nostro stato di coscienza? Grigori ci vien in aiuto e alla fine del volume citato ci spiega gli esercizi da compiere per ogni giorno del mese a questo scopo. Non solo, gli esercizi favoriranno l’andamento favorevole degli avvenimenti ai quali più teniamo, ma miglioreranno anche la nostra salute e ci faranno stare in armonia con l’Universo.

Grigorij-Grabovoj--130x190

Non vogliamo formulare giudizi né dare suggerimenti. Non è nostro compito. Abbiamo ritenuto utile segnalare l’uscita di questo libro, vista la sua originalità e particolarità, se non altro dal punto di vista antropologico. Saranno poi i nostri Lettori, tutti piuttosto smaliziati, a valutare autonomamente qualsiasi scelta.

Grigori Grabovoi “La resurrezione degli uomini e la vita eterna ora sono la nostra realtà!”, Edizioni L’Arcipelago, costo 21,99 euro, pag. 388. Per informazioni: www.edizionilarcipelago.it

 

 

 

 

 

 

 

2 thoughts on “LA “BIBBIA” DI GRABOVOI: UN MISTERO SCONVOLGENTE

  1. Letto
    Avete fatto bene a segnalare l’uscita del libro
    Bisogna sforzarsi molto per finire la lettura, il nostro cervello non è abituato a certi tipi di elaborazioni , siamo troppo autolimitati. Ne consiglio la lettura se non altro per cultura personale, l’applicazione risulta essere impossibile, almeno per me. Grazie

    1. Anche noi siamo rimasti perplessi leggendo i contenuti del libro. Sarebbe bello fare una ricerca su una certa capacità delle popolazioni di origine russa di avvicinarsi al soprannaturale passando attraverso il materialismo. Nel passato c’era stata una filosofia border line chiamata cosmismo che fondeva ideologia, materialismo e soprannaturale. Ma, ha ragione lei, noi occidentali ragioniamo diversamente. Grazie del suo commento.

Comments are closed.