SAN BABILA:VALERIA VALERI E GIANCARLO ZANETTI, AMORE VIA POSTA

di Ugo Perugini

Fino al 20 dicembre al Teatro San Babila di Milano andrà in scena “Lettere d’amore” di A.R. Gurney con Giancarlo Zanetti, che ne è anche il regista, e Valeria Valeri. L’opera è di un autore americano contemporaneo, nato a Buffalo, che ha anche recitato nella parte del protagonista del suo lavoro teatrale che si incentra sulle lettere che Andrew e Melissa si sono scambiate per tutta la loro vita.

A partire dalla seconda elementare i due ragazzi si frequentano e si piacciono. Varie vicissitudini li portano lontano uno dall’altra. Ma continuano a scriversi. Lui è innamorato di lei (la chiama la sua Valentina) lei lo prende un po’ in giro ma, sotto sotto, è attratta da lui. Ognuno continua la sua strada tra amori, avventure, ricerca di successo. Lui diventerà un uomo politico importante del Partito Repubblicano. Lei cercherà di intraprendere la strada dell’arte con esiti non sempre positivi.

I due hanno caratteri opposti. Lui è preciso, serio, ligio alle regole, onesto, accetta il suo ruolo nella società e le responsabilità che ne derivano. Lei, al contrario, ricca e viziata, ha un atteggiamento ribelle, non ama l’ipocrisia della società (vorrebbe prendere a pernacchie tutti), è vittima dell’alcool e della depressione. I due, già in là con gli anni, potranno finalmente trascorrere qualche ora insieme. Faranno l’amore, ma lui non se la sentirà di lasciare la famiglia che ha costruito con un’altra donna, i suoi figli e la carriera che gli sta dando grandi soddisfazioni per scegliere Melissa.

Lei, allora, delusa, l’ultima volta che gli scrive, ammetterà di aver sbagliato tutto (ho fatto un pastrocchio) e confesserà di non aver più voglia di vivere. Alla morte di lei, lui si sentirà smarrito come non gli era mai accaduto (Non so se ce la farò ad andare avanti da solo). Un amore costruito su un fitto scambio epistolare, apparentemente tenue ed esilissimo, ha però la forza di reggere una vita intera.

Una storia romantica ma non melensa, grazie anche alla recitazione dei due attori. Da sottolineare la prova di Valeria Valeri, che a 94 anni, mostra ancora di saper toccare, con la sua inconfondibile voce, i tasti di una gamma di sentimenti davvero complessi e difficili da rendere drammaturgicamente, calandosi nei panni di una ribelle come Melissa.

Si applaude e soprattutto si rende omaggio alla grande artista che per quasi 70 anni ha calcato le scene, sempre seguita con simpatia e partecipazione dal suo affezionato pubblico. Un caloroso augurio a Valeria Valeri e molti complimenti anche a Giancarlo Zanetti per l’interpretazione del suo Andrew e la regia attenta ed essenziale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *