Parco Industria Alfa Romeo – Portello

di Antonio Barbalinardo

Ieri 1°dicembre, alle ore 10,30 si è svolta la cerimonia ufficiale dell’intitolazione dell’area verde attrezzata che si trova tra l’Istituto Luigi Palazzolo, il centro commerciale IPER, viale Renato Serra e Alcide De Gasperi, chiamata fino a ieri solo Portello, ma da oggi è il “Parco Industria Alfa Romeo – Portello”.
Questa intitolazione rende finalmente concreto quello che da più parti e da tempo veniva chiesto, in particolare dai lavoratori, oggi tutti pensionati, che hanno lavorato nel Portello Sud e Nord e ora abitano nel nostro quartiere. Persone che hanno lavorato sull’area industriale del Portello dove fino alla metà degli anni ’70, sorgeva la gloriosa fabbrica automobilistica “Alfa Romeo” avviata nel 1910 e giusto 100 anni fa il 2 dicembre 1915, fu rilevata dall’ingegnere Nicola Romeo, fabbrica che ha dato prestigio alla Milano industriale e all’Italia, con il suo marchio conosciuto in tutto il mondo.
La cerimonia dell’intitolazione è stata organizzata dal Comitato Promotore del Percorso alla Memoria cui fanno parte l’Auser, lo Spi-Cgil, la Camera del Lavoro di Milano, l’Anpi, l’Alfa Club Milano, la Fondazione 25 Aprile, il Gruppo Seniores Alfa Romeo e l’Associazione Ferdinando Valletti.
Anche la nuova metropolitana LILLA ha una fermata “Portello” su viale Scarampo, il cui nome completo è “Portello ex Alfa Romeo” anche se tale denominazione è posta soltanto all’interno della fermata stessa del metrò.
Queste denominazioni non sono casuali, ma sono una bellissima operazione che si sta svolgendo sul recupero della memoria storica dell’archeologia industriale milanese, permettendo che alcuni luoghi siano ricordati per quello che erano ieri, perché hanno fatto la storia e reso grande Milano e di questo percorso bisogna ringraziare e riconoscere il merito al Comitato promotore del Percorso alla Memoria.

Ceriminia e intervento di L.Ferlin di AUSER
Ceriminia e intervento di L.Ferlin di AUSER

Alla cerimonia d’intitolazione del parco hanno partecipato oltre ai rappresentanti del Comitato promotore anche l’Assessore all’Urbanistica Alessandro Balducci, che hanno ufficialmente presentata alla cittadinanza il parco.
Alla cerimonia, erano presenti: il Presidente del Consiglio di Circoscrizione 8 Simone Zambelli, il Presidente della Commissione Cultura Zona 8 Massimo Maggiaschi, diversi rappresentanti dell’associazionismo cittadino oltre alle autorità civili, militari e ai rappresentanti delle divere Forze dell’Ordine.
L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento dell’Assessore Alessandro Balducci del Comune di Milano, dove sono seguiti gli interventi di Simone Zambelli Presidente della Zona 8, di Luigi Ferlin di Auser, di Bruno Petroni dello SPI CGIL, di Andrea Becchi di ALFA Club Milano, di Ardemia Oriani della segreteria provinciale dell’ANPI e dell’intervento dell’artista Maria Luisa Simona Degrada, dove tutti hanno dato rilevanza alla storia dello stabilimento “Alfa Romeo”.

Gli alunni della scuola media Puecher
Gli alunni della scuola media Puecher

Alla cerimonia erano presenti anche alcune classi della scuola media Puecher di via Castellino da Castello, che nel corso dell’anno scolastico sono state coinvolte in alcune attività nel percorso della memoria che hanno suonato e cantato alcune canzoni.
Adesso sarebbe bello e interessante che lo stesso Comitato promotore si facesse portare anche del recupero della memoria storica di altri luoghi riferiti all’architettura industriale dell’ex Alfa Romeo già segnalata al Consiglio di Circoscrizione 8, dove purtroppo la poca attenzione e miopia storica di alcuni Consiglieri la segnalazione e proposta fu accantonata e non presa in considerazione.

Ex tracciato ferroviario in via Gallarate tra i civici 49 e 55
Ex tracciato ferroviario in via Gallarate tra i civici 49 e 55

Al Consiglio di Circoscrizione 8 fu presentata la proposta di salvare l’unica parte ancora esistente del muro di cinta dell’ex stabilimento Alfa Romeo, posto presso l’incrocio di viale Alcide De Gasperi e via Renato Serra. Allora fu segnalato anche di far porre una targa in via Gallarate tra i numeri civici 49 e 55, dove tra i due condomini c’è l’unica traccia del percorso ferroviario che dallo stabilimento Alfa Romeo, attraversava le vie del quartiere per congiungersi allo scalo della Ferrovia dello Stato alla Stazione Certosa. Inoltre nella stessa segnalazione si chiedeva di porre una targa ricordo nei pressi dell’unico reperto storico dell’epoca dello stabilimento Alfa Romeo qual è la facciata di via M. U. Traiano civico 57 sul fronte di via Arnaboldi.

La facciata dell'ex mensa Alfa Romeo
La facciata dell’ex mensa Alfa Romeo

Questo è un invito-proposta che potrebbe essere portata avanti dal Comitato promotore del percorso della memoria oltre che essere un invito ai rappresentanti istituzionali sia della Circoscrizione 8 sia dello stesso Consiglio Comunale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *