AUTO: SPARISCE IL CONTRASSEGNO ASSICURATIVO

di Carlo Radollovich

Con decorrenza 18 ottobre, scompare il bollino giallo da applicare all’interno del parabrezza. Infatti, una nuova legge (nr. 27/2012, articolo 31) lo consente.

Purtroppo, segnaliamo con l’occasione che il numero dei veicoli che percorrono la nostra città, completamente privi di assicurazione, sono numerosi: si tratta di più di quarantamila mezzi, mentre in provincia, secondo stime recenti, sarebbero più di centomila. Ma i falsari, ossia coloro che espongono un contrassegno fasullo o addirittura evitano di applicarlo, avranno vita sempre più difficile.

La “metodologia” inserita dalle autorità competenti è semplice come il proverbiale uovo di Colombo. Infatti, la banca della Motorizzazione Civile riceverà in diretta, dalla Compagnia assicuratrice dell’automobilista, la controprova dell’avvenuto pagamento del premio.

Ciò significa che, qualora un utente non saldi quanto dovuto, la sua auto, o meglio la relativa targa, sarà tenuta sotto controllo da parte degli occhi elettronici delle telecamere dei tutor autostradali, dei Telepass o anche delle Zone a Traffico Limitate (Ztl) . Queste ultime attendono l’ultima fase di omologazione.

Scatterà dunque, prontamente, un controllo incrociato tra Polizia stradale, Ministeri e Agenzia delle Entrate che praticamente non lascerà all’automobilista disonesto alcuna possibilità di “salvezza”.

Sono previste sanzioni salatissime per coloro che non risultano in regola con l’assicurazione, sanzioni che possono risultare anche superiori ai tremila euro. Inoltre, è previsto il sequestro del veicolo.

E se gli occhi elettronici delle telecamere dovessero incappare in spiacevoli errori di registrazione? Nessun problema. La ricevuta cartacea rilasciata dall’assicuratore all’utente potrà sempre essere esibita e costituirà ovviamente prova inoppugnabile.

Da ultimo segnaliamo che sul sito “Portale dell’automobilista” (www.ilportaledellautomobilista.it), patrocinato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è possibile effettuare una visura dalla quale risulterà chi non è provvisto della necessaria copertura assicurativa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *